la prova

iPadOS, l’era della maturità per i tablet di Apple è arrivata

Per circa dieci giorni abbiamo provato a fare a meno di un Macbook, cercando di sostituirlo con un nuovo iPad da 10,2 pollici. Vi raccontiamo com’è andata

di Biagio Simonetta


default onloading pic

3' di lettura

Fino a qualche tempo va sembrava impossibile: riporre nel cassetto il laptop e provare a sostituirlo con un tablet era una partita persa in partenza. Oggi qualcosa è cambiato. E iPadOS, primo sistema operativo per il tablet di Cupertino, appena lanciato da Apple in concomitanza con l'arrivo degli iPad di settima generazione, ha gran parte dei meriti.

Per circa dieci giorni abbiamo provato a fare a meno di un Macbook, cercando di sostituirlo con un nuovo iPad da 10,2 pollici, display retina (prezzo a partire da 389 euro). L'operazione, con qualche affanno, è riuscita.

I compromessi da raggiungere sono ancora importanti. E dipendono molto dal tipo di azioni che siamo abituati a compiere con un Pc, o dal lavoro che facciamo. Tutto sommato, però, con iPadOS e la smart keyboard (la tastiera venduta da Apple separatamente a un prezzo di 179 euro) si sopravvive all'assenza di un computer abbastanza bene.

Per i più esigenti, inoltre, c'è la possibilità di unire la Pencil, molto utile per chi deve prendere appunti o eseguire lavori grafici.

Come va iPad OS

L’iPad di settima generazione.

Gran merito di questa nuova era della maturità per i tablet di Cupertino lo si deve, come dicevamo, al nuovo sistema operativo. Con iPadOS, infatti, Apple ha voluto dare un valore nuovo ai tablet. Una dimensione per certi aspetti unica. Le migliorie apportate sono veramente tante, a partire da un multitasking ricco di funzionalità.

Il vero obiettivo, per chi si approccia ad usare un iPad, è imparare tutte le scorciatoie e le gesture. E dopo un paio di giorni di rodaggio per abituarsi, l'utilizzo del tablet risulta veramente trasformato rispetto al passato.

Dark mode e Safari
Le prime due novità che si notano con iPadOS sono entrambe puramente grafiche: da una parte l'arrivo, anche sul tablet, della dark mode. La seconda, molto più utile, è la presenza di una barra dei widget che può essere fissata nella home.

Punto si svolta anche per Safari. Il browser made in Apple consente (finalmente!) il download senza dover ricorrere ad app terze. Grazie all'implementazione di Download Manager, infatti, scaricare file non sarà più un problema. Sempre su Safari, le gesture implementare sono tantissime e vanno dalla rimodulazione dello schermo (dallo split view allo slide over), fino alle funzioni di copia-incolla del testo.

È possibile inoltre ridurre la tastiera, così da usarla con una sola mano come se fosse un iPhone. Abbiamo trovato molto utile, inoltre, l'istantanea schermo: con l'ausilio di Pencil, screenshotare qualcosa e scriverci sopra i nostri appunti è una grande soluzione.

File e sidecar
È stata rinnovata anche la sezione File, che diventa un file manager molto più performante che in passato. La vera novità è il supporto alle memorie esterne. Grazie a un piccolo adattatore, oggi, possiamo collegare all'iPad chiavette USB o Hard Disk, e gestire i vari file al loro interno. Proprio come fosse un computer. E per chi, a proposito di computer, vuole che iPad diventi un secondo schermo del Mac (via cavo o in modalità wireless), ora è possibile grazie all'introduzione di Sidecar (disponibile su Mac con sistema operativo Catalina).

Il mouse
Un'altra lacuna molto forte in ottica “pc-less” è stata colmata col supporto del mouse. Per quanto iPad sia chiaramente touchscreen, durante l'utilizzo con tastiera a mo' di laptop, l'assenza di un mouse di supporto risultava un po' fastidiosa. Con iPadOS, Apple ha introdotto dunque la possibilità di abbinare un mouse al tablet, sia in modalità USB che bluethoot. Dopo averlo installato, il cursore del mouse si paleserà sullo schermo a forma circolare. E farà tutto quello che potremmo fare con un dito sullo schermo.

iPadOS: le compatibilità
iPadOS è compatibile con tutti gli ultimi iPad, ma – come da tradizione – Apple non ha dimenticato i modelli un po' più datati. Ecco allora la lista di tutti gli iPad compatibili con questo aggiornamento: iPad Pro 12,9″, iPad Pro 11″, iPad Pro 10,5″, iPad Pro 9,7″, iPad (7ª, 6ª e 5ª generazione), iPad mini (5ª generazione), iPad mini 4, iPad Air (3ª generazione) e iPad Air 2.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...