ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùdopo la manovra

Giù le tasse? 600 Comuni hanno già aumentato le addizionali Irpef

di Gianni Trovati


Addizionali Irpef, a Milano costano 5 volte rispetto a Bolzano

2' di lettura

Lo sblocco delle addizionali deciso dall’ultima legge di bilancio ha prodotto aumenti dell’Irpef in 600 Comuni. In 59 casi l’addizionale debutta dove prima non c’era, e altri 59 sindaci hanno provato a ritoccare le aliquote ma sono arrivati in ritardo con le delibere. I numeri che emergono dall’ultimo aggiornamento diffuso ieri dal dipartimento Finanze disegnano un censimento praticamente definitivo delle scelte fiscali dei Comuni nell’anno dello scongelamento del fisco locale.

All’appello manca ancora qualche ente, in particolare i circa 130 Comuni, fra quelli colpiti dal terremoto del 2016 e quelli a caccia di certezze sui loro piani di riequilibrio dei conti, che si sono visti rinviare i termini per preventivi e delibere fiscali a fine luglio. Ma i numeri chiave sono ormai definiti. E si accompagnano agli aumenti dell’Imu, che non sono riassunti in un monitoraggio nazionale ma si sono fatti largo per esempio a Torino, La Spezia, Pordenone o Avellino, mentre Firenze, Grosseto e Pavia alleggeriscono il conto (Sole 24 Ore del 1° aprile).

PER SAPERNE DI PIÙ / Irpef, Milano record: 11.271 euro. Nelle città pressione tra 25 e 34%

E mostrano prima di tutto che la rimozione del tappo alle aliquote ha ricominciato a spingere all’insù le aliquote in un numero significativo di Comuni. Le 600 delibere che ritoccano le aliquote abbracciano il 15% dei Comuni che hanno trasmesso le loro decisioni al ministero dell’Economia, e poco meno dell’8% del totale dei municipi italiani. Un numero non piccolo, soprattutto in un anno elettorale che fra domenica 26 maggio e i turni successivi nelle regioni a Statuto speciale affiderà alle urne il rinnovo di 3.838 sindaci e consigli comunali: solo metà dei Comuni, in pratica, ha potuto mettersi a studiare le aliquote senza doversi preoccupare della risposta immediata degli elettori-contribuenti.

LEGGI ANCHE / Perché 13 milioni di italiani non pagano l'Irpef

Anche con il freno del voto, insomma, la pressione sul fisco si è fatta sentire. Perché come sempre il blocco della leva fiscale ha colpito a casaccio, e ha penalizzato ovviamente in misura maggiore chi è stato sorpreso dallo stop con un’Irpef locale più bassa della media.

Proprio questo aspetto spinge la geografia degli aumenti verso il Centro-Nord, dove una salute dei bilanci locali mediamente migliore della media ha permesso di andare avanti senza sfruttare tutti gli spazi fiscali. A Sud, come in quasi tutte le grandi città da Milano a Napoli e Palermo, i problemi di bilancio avevano già spinto al massimo l’Irpef senza lasciare margini ulteriori.

Gli aumenti si affacciano comunque in Comuni importanti, da Mantova a Rimini, da Lucca a Imola fino ai grandi centri intorno a Milano come Sesto San Giovanni, Rho o Busto Arsizio. A Sud sono della partita Trani, Barletta, Avellino e Trapani, mentre per il resto i ritocchi si diffondono in una miriade di piccoli centri. Da segnalare, rari, i casi di controtendenza, in cui la pressione fiscale diminuisce più o meno leggermente: succede per esempio a Bologna e Forlì, dove le aliquote restano quelle dello scorso anno ma crescono le soglie di esenzione (da 14mila a 15mila euro a Bologna, da 8 a 15mila a Forlì).

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...