guerra tecnologica

Israele sotto attacco: razzi da Gaza e hacker dall’Iran

CheckPoint, una società specializzata nella protezione da attacchi cyber, ha reso noto che a dicembre sono aumentate le attività offensive verso società israeliane

default onloading pic
Un soldato israeliano controlla il cannone di un carro armato in una postazione sulle colline del Golan - Afp

CheckPoint, una società specializzata nella protezione da attacchi cyber, ha reso noto che a dicembre sono aumentate le attività offensive verso società israeliane


2' di lettura

Doppio attacco in queste ore contro Israele: il primo di natura tecnologica, con un gruppo hacker iraniano che avrebbe violato la rete protettiva di alcune società sottraendo documenti. Il secondo nel tardo pomeriggio di Natale, con il lancio di razzi verso il Sud del Paese, razzi intercettati dallo scudo Iron Dome.

Un gruppo iraniano di hacker, denominato Pay2Key, ha reso noto giovedì su Darknet (la “rete oscura”) di essere riuscito ad aprire una breccia nella rete protettiva stesa dalla società israeliana Portnox. Di conseguenza, ha aggiunto, è riuscito a prelevare una mole di documenti relativi a società israeliane.

Loading...

A riprova di queste affermazioni ha pubblicato un documento interno di 15 pagine redatto dalla compagnia di elettronica Elbit nel 2018. Lo scrive il sito israeliano di News Walla secondo cui Portnox ha avviato una “inchiesta serrata” per far luce sulla vicenda.

Secondo Walla alcuni giorni fa anche la Industria aerea israeliana (Iai) ha subito un attacco analogo. In quella occasione, secondo Walla, sarebbero stati prelevati documenti interni della società di elettronica Elta. Sempre secondo lo stesso sito si tratta in entrambi i casi di tentativi molto sofisticati di estorsione.

CheckPoint, una società specializzata nella protezione da attacchi cyber, ha reso noto che a dicembre sono aumentate le attività offensive verso società israeliane.

Due razzi lanciati contro il sud di Israele

Nel pomeriggio di Natale, invece, le sirene di allarme antimissile sono risuonate nel sud di Israele, costringendo la popolazione a riparare nei rifugi, ad Ashkelon e nelle comunità attorno alla Striscia di Gaza. Lo ha reso noto il portavoce dell'Esercito israeliano. Poco più tardi due razzi sono stati lanciati da Gaza verso il sud di Israele: entrambi sono stati intercettati dal sistema antimissile Iron Dome. Lo ha fatto sapere il portavoce militare. I razzi erano stati indirizzati verso Ashkelon e le zone israeliane attorno alla Striscia costringendo la popolazione a correre nei rifugi.

Diplomazia: Netanyahu invita il re del Marocco

Il “fronte” diplomatico intanto non si ferma. Il premier Benyamin Netanyahu ha avuto il 25 dicembre una telefonata con re Mohammed VI del Marocco, in occasione del ristabilimento delle relazioni diplomatiche, e lo ha invitato a visitare Israele. Lo ha reso noto l'ufficio del primo ministro secondo cui si è trattato di una conversazione «calorosa ed amichevole, svoltasi in francese, inglese, arabo ed ebraico». Netanyahu ha ringraziato in particolare il re del Marocco per la accoglienza riservata alla delegazione israelo-statunitense ad alto livello che questa settimana ha compiuto a Rabat un visita in cui sono stati sottoscritti alcuni accordi di cooperazione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti