LA NOTA MENSILE

Istat: fase di recupero per l’economia italiana, segnali confortanti da ordini ed export

L’istituto statistico: decisa ripresa internazionale ma rischi a breve da pandemia

(imagoeconomica)

1' di lettura

«In Italia, alla fase di recupero della produzione industriale si affiancano segnali confortanti per gli ordinativi e le esportazioni. Anche il settore delle costruzioni e il mercato immobiliare mostrano una certa dinamicità». Lo ha messo in evidenza l’ Istat nella Nota mensile di settembre, continuando ad osservare una debolezza della domanda.

« Ad agosto, l'occupazione torna ad aumentare per il secondo mese consecutivo, mentre si riducono marginalmente la disoccupazione e l'inattività, quest'ultima ancora su livelli più elevati di quelli di gennaio. Debolezza della domanda assieme a effetti diretti e indiretti della caduta delle quotazioni dei prodotti energetici consolidano la fase deflativa dei prezzi al consumo. Si attenua ulteriormente l'inflazione di fondo, risultata nulla a settembre per il calo dei prezzi nei servizi».

Loading...

«A settembre - continua la nota -, si registra un ulteriore miglioramento della fiducia dei consumatori e delle imprese che, nella manifattura, segnalano la presenza di ostacoli alle esportazioni e alla produzione, ancora condizionata, secondo i giudizi degli imprenditori, da insufficienza di domanda.

Decisa ripresa internazionale ma rischi a breve da pandemia

«Nei mesi estivi - rileva l’Istat - , l'attività economica a livello internazionale ha evidenziato una decisa ripresa, diffusa in modo eterogeneo tra i paesi. Il quadro globale continua però a essere dominato dalle difficoltà e incertezze derivanti dall'evoluzione della pandemia, il cui recente riacutizzarsi potrebbe condizionare in misura significativa lo scenario a breve termine».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti