ad aprile

Istat: disoccupazione al 10,2%. Peggio di noi solo Grecia e Spagna


default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Il tasso di disoccupazione ad aprile è rimasto stabile rispetto a marzo al 10,2% mentre è diminuito di 0,7 punti rispetto ad aprile 2018. Lo rileva l'Istat sottolineando che i disoccupati nel mese erano 2.652.000 con un aumento di 5.000 unità su marzo e una riduzione di 203.000 unità su aprile 2018. Peggio di noi - rileva Eurostat, solo Grecia (18,5% a febbraio) e Spagna (13,8%).

Gli occupati ad aprile 2019 sono rimasti sostanzialmente stabili rispetto a marzo (+2.000 unità) a quota 23.288.000 mentre sono aumentati di 56.000 unità rispetto ad aprile 2018. Il tasso di occupazione è al 58,8%, stabile su marzo e in aumento di 0,3 punti percentuali su aprile 2018. L'aumento degli occupati su base annua (+56-000 unità) è trainato dall'aumento degli over 50 al lavoro (+232.000) anche per effetto della demografia mentre le persone tra i 35 e i 49 anni sono diminuite di 176.000 unità.

Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni ad aprile è salito di 0,8 punti rispetto a marzo toccando il 31,4%. Rispetto ad aprile 2018 il tasso è inferiore di 1,6 punti percentuali. Il tasso di occupazione in questa fascia di età è del 18,3% con un calo di 0,3 punti su marzo e un aumento di 0,6 punti su aprile 2018. Il tasso di disoccupazione dei giovani è di 12 punti inferiore al massimo raggiunto nel 2014 e 12 punti superiore al minimo raggiunto nel 2007.

Aumento tra gli over 50
L'Istat precisa che la sostanziale stabilità dell'occupazione rispetto a marzo è la sintesi di un calo degli occupati tra i 15-34enni (-52.000) e un aumento tra gli over 50 (+46.000). Si registra una crescita dei dipendenti sia a termine che permanenti (+11.000 per entrambe le componenti) compensata da una riduzione degli indipendenti (-24.000). Su base tendenziale la crescita di 56.000 occupati ad aprile 2019 su aprile 2018 è il risultato di un aumento di 232.000 occupati tra gli over 50, un calo di 176.000 unità nella fascia tra i 35 e i 49 anni, un calo di 39.000 unità tra i 25 e i 34 anni e un aumento di 39.000 unità nella fascia più giovane. Nel trimestre febbraio aprile gli occupati sono aumentati di 72.000 unità sul trimestre precedente mentre i disoccupati sono diminuiti di 46.000 unità. Sono diminuiti di 46.000 unità anche gli inattivi. Gli inattivi ad aprile erano 13.194.000 (il 34,3% di coloro che sono in età da lavoro), in lievissimo aumento su marzo (+6000) e in lieve crescita (+17.000) su aprile 2018.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...