ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLavoro

Istat, +46mila occupati a settembre. Tasso disoccupazione stabile al 7,9%

Dopo due mesi di calo, l’occupazione torna a crescere, registrando 46 mila occupati in più (+0,2%) rispetto al mese precedente. L’aumento si osserva anche rispetto a settembre 2021: 316 mila occupati in più (+1,4%). Sale a 23,7% il tasso di disoccupazione dei giovani

di Andrea Gagliardi

Lavoro, Sbarra: “Salvaguardare il potere di acquisto di salari e pensioni”

2' di lettura

A settembre, dopo due mesi di calo, l’occupazione torna a crescere, registrando 46 mila occupati in più (+0,2%) rispetto al mese precedente. L’aumento si osserva anche rispetto a settembre 2021: 316 mila occupati in più (+1,4%). E si concentra tra i dipendenti permanenti che crescono di 205 mila unità (+1,4%) nel confronto annuo e di 82 mila (+0,5%) nel confronto mensile. Il tasso di occupazione sale al 60,2% (+0,2 punti). Lo comunica l’Istat.

I due mesi di calo precedenti

Ad agosto si era rilevata una perdita di 74 mila occupati rispetto a luglio.Gli occupati a luglio erano diminuiti di 22mila unità su giugno registrando il primo calo da agosto 2021.

Loading...

Disoccupazione settembre al 7,9%, giovani sale a 23,7%

A settembre il tasso di disoccupazione totale rimane al 7,9%, mentre quello giovanile (15-24 anni) sale al 23,7% (+1,6 punti su agosto). Lo comunica l’Istat diffondendo le stime mensili su occupati e disoccupati. Diminuisce invece il tasso di inattività che cala al 34,6% (-0,2 punti)

Pil: Signorini, in 2023 lieve crescita ma incertezza

L’economia italiana «non potrà che essere influenzata dal peggioramento della congiuntura internazionale» ma per le stime della Banca d’Italia «che tra l’altro dovrebbero essere leggermente riviste al rialzo alla luce dei nuovi dati del Pil - si può prevedere per il 2023 una lieve crescita, in media d’anno». Lo afferma il dg della Banca d’Italia Luigi Federico Signorini secondo cui ci sarebbe «un calo» solo con un «blocco totale dell’import russo». Resta però una forte incertezza sulle previsioni, avvisa.

Sostenibilità, dalle cooperative aderenti investimenti per 1,2 miliardi

Nel 2021 è stato di oltre 1,2 miliardi di euro l'investimento dalle imprese aderenti in sostenibilità ed economia circolare. Il dato, diffuso nel corso della Seconda Giornata della Sostenibilità organizzata da Confcooperative, è sul 79% di cooperative aderenti che ha intrapreso almeno un'iniziativa riconducibile ad alcune delle principali tematiche dello sviluppo sostenibile e dell'economia circolare. In tutti i macrosettori l'ambito d'intervento in cui si concentrano i maggiori investimenti è quello del risparmio energetico e la riduzione dei consumi che ha interessato il 40,3% delle cooperative, in aumento di quasi il 10% rispetto al 2020 (30,9%). Il 28,8% ha indicato l'acquisto e l'utilizzo di materiali di minore impatto. Il 23,1% ha avviato percorsi formativi e informativi interni sulla sostenibilità. Il 18,8% ha scelto di promuovere l'eco-innovazione e di investire in tecnologie rispettose dell'ambiente. Infine, il 14,4% si è indirizzato verso il riciclo e il riutilizzo dei materiali.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti