ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa compagnia aerea

Ita: il Cda toglie le deleghe ad Altavilla

I consiglieri contestano l'operato del presidente, sostenendo che sta gestendo l'operazione di privatizzazione senza coinvolgere gli organi societari

di Giorgio Pogliotti

Alfredo Altavilla

2' di lettura

Scontro nel Cda di Ita Airways: i sei consiglieri dimissionari, espressione del Mef, hanno chiesto di togliere tutte le deleghe al presidente esecutivo Alfredo Altavilla, incassando il sostegno dell'amministratore delegato Fabio Lazzerini. Nel mirino la delega sulle operazioni strategiche, ovvero sulla vendita al consorzio guidato da Certares in partnership commerciale con Air France e Delta per l'acquisto del 50% più un'azione della compagnia, che la delibera votata dai consiglieri ha trasferito all’Ad, insieme alle altre deleghe.

I consiglieri contestano l'operato del presidente, sostenendo che sta gestendo l'operazione di privatizzazione senza coinvolgere gli organi societari. Si profila una battaglia legale, il collegio sindacale si riunirà giovedì per verificare la legalità dell'iniziativa.

Loading...

L'iniziativa è originata dalla lettera del Mef del 29 settembre che sollecitava più collaborazione da parte di Ita, chiedendo di consentire a tutti i componenti del consorzio guidato da Certares le informazioni sulla profittabilità delle rotte. Altavilla nella riposta aveva spiegato al Mef di aver concordato con i legali dei tre componenti del consorzio, in ossequio alle normative Antitrust europee, l’accesso diretto a tutte le informazioni per Certares, in qualità di equity partner non diretto concorrente di Ita. Ma per i due partner commerciali competitor dell’aviolinea, trattandosi di dati sensibili, si è stabilito l’accesso mediato, tramite advisor.

Le controparti si sarebbero dichiarate soddisfatte, ma i sei consiglieri del Cda hanno comunque espresso preoccupazione, per essere stati tenuti all’oscuro dell’andamento del negoziato dal presidente. Il Cda ha approvato la semestrale e si è espresso per chiedere all’assemblea di deliberare sull’aumento del capitale da 400 milioni per uscire dalla situazione disciplinata dall’articolo 2446 del Codice Civile (quando le perdite superano un terzo del capitale).


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti