ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùborsa

Italgas debole con calo petrolio nonostante i target sopra le attese

di Paolo Paronetto


default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

La debolezza del prezzo del petrolio e le conseguenti vendite sui titoli del settore energetico penalizzano Italgas dopo la pubblicazione del nuovo piano industriale. Sono passati di mano 313mila pezzi a fronte dei 2 milioni di media in un'intera seduta dell'ultimo mese. Italgas ha reso noto di prevedere per il 2019 investimenti tecnici per circa 700 milioni, mentre i ricavi sono attesi pari a circa 1,2 miliardi, con un ebitda tra 840 e 860 milioni e un Ebit tra 460 e 480 milioni. L'intero piano al 2025, d'altra parte, prevede un incremento di 500 milioni degli investimenti (+12,5% a 4,5 miliardi) rispetto al precedente e punta su quattro direttrici strategiche: innovazione e trasformazione digitale, realizzazione della rete di distribuzione ad alta tecnologia in Sardegna, M&A e ulteriore crescita organica. La realizzazione dei previsti investimenti organici, unitamente al consolidamento di Toscana Energia, farà crescere la Rab (gli asset regolamentati) consolidata a un tasso medio annuo composto di circa il 4,7% rispetto ai 6,4 miliardi di euro di fine 2018 per arrivare a circa 8,9 miliardi di euro a fine piano, senza considerare il completamento delle gare d'ambito. Con quest'ultime, invece, la crescita sarà del 7,1% e la Rab arriverà a oltre 10 miliardi. Sul fronte della remunerazione die soci, Italgas «si impegna a garantire agli azionisti una politica dei dividendi attrattiva, in crescita e sostenibile», confermando fino all'esercizio 2020 la distribuzione di una cedola pari al più alto tra l'importo risultante dal dividendo per azione 2017 (0,208 euro) incrementato del 4% annuo e quello equivalente al 60% dell'utile netto consolidato per azione. La società prevede inoltre sull'arco di piano efficienze per 160 milioni anche grazie alla riduzione dei costi operativi.

L'.a.d Gallo: migliorati tutti i target. In Borsa +18% da inizio anno
«Alla luce dei risultati conseguiti negli anni scorsi e delle attività di crescita e sviluppo intraprese - ha commentato l'a.d. Paolo Gallo - questo piano rivede al rialzo tutti i principali target con la conferma dell'attuale politica dei dividendi che si e' dimostrata particolarmente remunerativa per i nostri azionisti». «Il piano di investimenti è ben superiore alle nostre stime così come il piano di taglio costi, che porta ad una potenziale crescita dei risultati superiore alle stime», hanno notato gli analisti di Equita. Gli esperti sottolineano d'altra parte che «andrà verificato cosa succederà sulle gare gas e sulla Sardegna, dove le tariffe dovranno essere approvate dal regolatore».

Nonostante le indicazioni positive, la debolezza del petrolio sta spingendo gli investitori a confermare la fase di correzione dopo il titolo Italgas aveva toccato, venerdì scorso, il nuovo massimo storico a 5,944 euro. Picco arrivato a coronamento del +6,3% messo a segno da fine maggio e del +18,9% registrato da fine 2018.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...