INTERREG

Italia-Austria, più cooperazione transfrontaliera

di Francesca Pozzar


default onloading pic
(Afp)

2' di lettura

C’è tempo fino al 16 gennaio 2019 per partecipare, con un progetto di cooperazione territoriale, all’ultimo bando del Programma interreg Italia-Austria 2014-2020. Per la realizzazione delle idee migliori ci sono in palio poco meno di 13 milioni di euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale, a cui vanno ad aggiungersi altri 3,6 milioni messi a disposizione sotto forma di fondi per overbooking, qualora l’elenco dei progetti ritenuti validi esaurisse l’intero stanziamento del bando. È l’ultima opportunità di questo settennato; infatti, i prossimi inviti a presentare progetti dedicati a quest’area geografica a cavallo del confine tra Italia e Austria saranno verosimilmente lanciati non prima del 2022.

Al terzo e ultimo avviso – che prevede l’interessante caratteristica della costituzione di una graduatoria di riserva valida fino alla fine del 2020 - possono partecipare in consorzio (minimo un partner italiano e uno austriaco) soggetti sia pubblici che privati (imprese, università, enti pubblici, associazioni, organizzazioni no profit) con sede in una delle sei regioni del programma: le province di Belluno, Treviso e Vicenza in Veneto, l’intero Friuli Venezia Giulia e la Provincia Autonoma di Bolzano. Carinzia, parte del Salisburgo e il Tirolo sono le aree austriache interessate. Per i partecipanti italiani la copertura dei costi è pari all’85% delle spese sostenute (rimborso a piè di lista); solo per gli enti pubblici o equivalenti si arriva al 100%, grazie all’automatismo garantito dal fondo di rotazione nazionale che si somma ai fondi Fesr.

Nella logica di rafforzare la cooperazione transfrontaliera nell’area di confine tra i due Paesi, tre sono i grandi temi su cui possono essere presentati progetti di sviluppo: ricerca e innovazione, natura e cultura e competenza istituzionale.

Il primo è il filone più ricco (6,8 milioni): si vuole incentivare l’innovazione nei settori economici chiave dell’area, aumentando gli investimenti in R&S, soprattutto privati, attraverso la collaborazione transfrontaliera degli enti di ricerca e progetti tra imprese e istituti di ricerca. Particolare enfasi (con relativo punteggio premiale in fase di valutazione) è data a quei progetti che coinvolgeranno direttamente le imprese o che aiuteranno a creare nuove startup.

Alla tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale sono riservati 4,4 milioni, mentre i restanti 1,6 milioni saranno dedicati a progetti di rafforzamento della collaborazione istituzionale transfrontaliera (asse aperto solo per le pubbliche amministrazioni). La dotazione finanziaria delle proposte progettuali deve essere compresa tra 100mila euro e 1,2 milioni di euro, in base al numero di partner e delle regioni coinvolte.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti