Cooperazione

Italia-Pakistan: operazione pulizia su K2 e Baltoro

Il progetto di cooperazione diventa modello per la tutela dell'ambiente, tanto che le autorità pakistane vogliono utilizzarle per le campagne ambientali nel loro territorio

di Gerardo Pelosi

default onloading pic

Il progetto di cooperazione diventa modello per la tutela dell'ambiente, tanto che le autorità pakistane vogliono utilizzarle per le campagne ambientali nel loro territorio


3' di lettura

La chiamano da sempre la “montagna degli italiani” perché il K2 dal 1909, anno delle prime spedizioni del Duca degli Abruzzi alla conquista del ’54 della seconda vetta più alta del mondo con la missione di Ardito Desio, ha parlato sempre italiano. Una responsabilità che si è trasformata, negli ultimi anni, in una serie di azioni da parte della Cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Esteri italiano e di varie Ong per proteggere quel delicato ecosistema messo seriamente a rischio dalle spedizioni commerciali che lasciano troppi rifiuti nel ghiacciaio del Baltoro fino ai campi più alti, tra i 6mila e 7mila metri di quota.

GUARDA IL VIDEO - Ambiente: Greta e i ragazzi di FridaysForFuture davanti all'Onu

L'operazione di pulizia dei ghiacciai è stata avviata dalla nostra Ong EVK2CNR a partire dal 2006, con fondi della Cooperazione italiana. Nel 2014 si è aggiunta la ditta italiana di abbigliamento di montagna Moncler, che contribuisce con propri fondi all'attività delle Ong. Negli ultimi 10 anni sono stati rimossi dai ghiacciai, principalmente dal Baltoro, oltre 70 tonnellate di rifiuti. Solo quest'anno nella stagione appena conclusasi sono state rimosse 6,8 tonnellate di rifiuti solidi. I rifiuti che devono essere smaltiti sono trasferiti all'inceneritore di Askole finanziato dalla Cooperazione italiana e gestita dalla Ong EVK2CNR mentre quelli che hanno un qualche valore economico vengono trasferiti alle comunità locali che possono guadagnare un reddito dalla rivendita o dal riutilizzo.

Ecco la moda che fa bene all'ambiente

Ecco la moda che fa bene all'ambiente

Photogallery25 foto

Visualizza

Un'attività quella della nostra Cooperazione e delle nostre Ong che, nei giorni scorsi, ha ottenuto un riconoscimento pubblico nel corso di una presentazione fatta al Ministro dell'Ambiente pakistano, Zartaj Gul da parte dell'ambasciatore italiano in Pakistan, Stefano Pontecorvo e dal presidente della EVK2CNR, Agostino Da Polenza. Le autorità pakistane vogliono prendere a modello per le campagne ambientali pakistane quanto proposto dalla nostra Cooperazione e dai nostri enti impegnati sul territorio.

GUARDA IL VIDEO - Tokyo pensa di versare l'acqua di Fukushima nell'oceano

L'impegno italiano a favore dell'ambiente in Gilgit Baltistan non si limita però alla pulizia del Baltoro ma si estende al monitoraggio dei ghiacciai e al loro stato di progressivo deterioramento, che viene sorvegliato continuamente attraverso un sistema di monitoraggio creato da EVK2CNR e finanziato dalla Cooperazione che fotografa istante per istante lo scioglimento dei ghiacciai avvertendo dei rischi che i laghi e i corsi d'acqua rappresentano per la popolazione locale e per il territorio. Un'attività che la stessa agenzia delle Nazioni Unite per i programmi di sviluppo UNDP ha preso a modello con il progetto GLOF da 38 milioni di dollari per proseguire e ampliare l'attività italiana.

GUARDA IL VIDEO - Ambiente, l'uomo comincio' a far danni 10mila anni fa

Nel Gilgit Baltistan la Cooperazione italiana, attraverso altre Ong italiane sta avviando o ha avviato anche altri programmi e progetti di forte impatto ambientale, che vanno dal supporto al turismo sostenibile allo sviluppo rurale di quelle popolazioni. Quest'ultimo, dotato di 20,5 milioni di euro, è destinato a migliorare la frutticoltura e la sanità rurale nella regione. Quanto alla creazione del parco del Baltoro K2 è stato finanziato attraverso il progetto SEED della nostra Cooperazione con 9 milioni di euro in sei anni. Coperte 58 attività che vanno dalla predisposizione dei confini del parco stesso, all'addestramento del personale direttivo ed esecutivo, all'ammodernamento e rimessa in funzione di immobili e i macchinari necessari al funzionamento del parco, al rifacimento delle vie di transito e alla ripulitura delle acque riqualificazione del territorio, oltre che al sostegno di attività imprenditoriali locali, in particolare femminili, per manufatti e souvenirs, e alla predisposizione di servizi ed alloggi per visitatori e turisti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti