stili di vita

Italia prima nella Ue per obesità giovanile: un bimbo su quattro è in sovrappeso

La fotografia dell'Istat, pubblicata in un rapporto sugli stili di vita 2017-2018, ripropone le difficoltà delle nuove generazioni ad assimilare le corrette abitudini anche se i trend sono in miglioramento

di Ernesto Diffidenti


default onloading pic
(FOTOGRAMMA)

2' di lettura

Oltre 2,13 milioni di bambini e adolescenti tra 3 e 17 anni sono in eccesso di peso (uno su quattro, ossia il 25,2% del totale) e quasi 2 milioni non praticano sport né attività fisica. La fotografia dell'Istat, pubblicata in un rapporto sugli stili di vita 2017-2018, ripropone le difficoltà delle nuove generazioni ad assimilare le corrette abitudini anche se i trend sono in miglioramento.

Bimbi italiani più obesi d'Europa, problemi per 1 su 3 - GUARDA IL VIDEO

I giovani restano avvolti in un "pericoloso" circolo vizioso dove allo scarso dispendio energetico si accompagna una continua disponibilità di cibi grassi e ricchi di zuccheri, nonché di bevande gassate e dolci.

È un problema non solo italiano. Nei paesi della Ue, in media, è obeso quasi un bambino su otto tra i 7 e gli 8 anni. Cipro (20%), Italia (18%), Spagna (18%), Grecia e Malta (17%) mostrano i valori più elevati; Danimarca (5%), Norvegia (6%) e Irlanda (7%) quelli più bassi.
C'è, dunque, una questione territoriale. Anche in Italia dove, secondo il report, "l'eccesso di peso tra i minori aumenta significativamente passando da Nord a Sud (18,8% Nord-Ovest, 22,5% Nord-Est, 24,2% Centro, 29,9% Isole e 32,7% Sud) con percentuali particolarmente elevate in Campania (35,4%), Calabria (33,8%), Sicilia (32,5%) e Molise (31,8%)".

Allarme rosso, segnala poi l'Istat, se entrambi i genitori sono in sovrappeso o obesi: ebbene lo saranno anche i figli nel 37,6% dei casi contro il 18,8% di chi ha entrambi i genitori normopeso. Esiste il rischio concreto che almeno "un terzo dei bambini e circa la metà degli adolescenti in sovrappeso rimangano in questa condizione anche da adulti".
Secondo l'Istat tendono ad essere in sovrappeso bambini e ragazzi che vivono in famiglie con scarse risorse economiche e un basso livello di istruzione. La quota di bambini in eccesso di peso è infatti pari al 19% tra quanti vivono in famiglie con genitori laureati ma raggiunge il 30,1% se i genitori non sono andati oltre la scuola dell'obbligo.
L'istituto di statistica, tuttavia, indica ampi spazi - dalla tavola al tempo libero - per migliorare queste poco gratificanti performance. Il 74,2% di bambini e adolescenti, infatti, consuma frutta e verdura ogni giorno, ma solo il 12,6% arriva a 4 o più porzioni. Il trend è in miglioramento ma si può fare di più. Stessa dinamica nello sport.

Sono circa 5 milioni i ragazzi di 3-17 anni che praticano nel tempo libero uno o più sport (59,4% della popolazione di riferimento). Il 52,5% lo fa con continuità (erano il 47,1% nel 2010-2011) e il 6,9% saltuariamente . Il 17,1% dei ragazzi (circa un milione 450mila), pur non praticando uno sport, svolge un'attività fisica come passeggiare per almeno due km, nuotare, andare in bicicletta o altro. Insomma, i bambini e i ragazzi che non praticano alcuno sport o attività fisica nel tempo libero sono la minoranza: un milione 925 mila, pari al 22,7% della popolazione di 3-17 anni con una punta particolarmente elevata tra i bambini di 3-5 anni (46,1%). La medaglia d'oro, conclude l'Istat, va alle ragazze, più attive e sportive specialmente nella fascia 3-10 anni: parte da loro l'abitudine a indossare le scarpe da ginnastica e mantenersi in forma.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...