valigeria

Italia strategica per Samsonite

di Giulia Crivelli

3' di lettura

Nel 2016, solo in Italia, il traffico aereo è cresciuto del 4,6%, con un record di 164 milioni di passeggeri. A livello globale, l’aumento è stato ancora maggiore: 3,7 miliardi le persone che hanno scelto voli commerciali (+6% sul 2015). Basterebbero questi dati a confortare un’azienda come Samsonite, che da oltre cent’anni è specializzata in valige e che ha chiuso il 2016 con un fatturato di 2,6 miliardi di euro (+17,3%) e un utile netto di 244 milioni (+18,9%).

Ramesh Tainwala, ceo del gruppo Samsonite (quotato a Hong Kong dal 2011) e Fabio Rugarli, amministratore delegato per l’Italia, hanno una visione ancora più ambiziosa. «Il 2016 è stato un anno memorabile e il mercato italiano, secondo in Europa dopo la Germania, è cresciuto dell’11,3% a 63 milioni, stesso trend che stiamo registrando nei primi mesi del 2017 – spiega Rugarli –. Ma già oggi la nostra forza non viene solo dal segmento viaggio, che vale il 64,7% del fatturato: da molti anni il marchio Samsonite ha diversificato nelle linee di borse e cartelle da lavoro, di borse da donna e negli accessori. L’Italia è strategica non solo come mercato, ma perché l’ufficio stile della divisione Personal Accessories si trova a Saltrio, vicino a Varese, e si occupa di design, progettazione prototipi, controllo qualità e marketing per l’intera Samsonite Europe».

Loading...

Samsonite non ha mai cambiato il suo posizionamento, oggi lo si definisce premium: una delle ultime novità, il trolley Cosmolite, parte da 350 euro. Per raggiungere più fasce e tipi di consumatori possibili sono stati però acquisiti altri marchi: «Nel 2016 abbiamo comprato Tumi, che è fortissimo negli Stati Uniti ma ha enormi potenzialità anche in Europa e per il negozio di Milano, che si trova in via Pietro Verri, stiamo cercando una location ancora più prestigiosa e d’impatto – sottolinea Rugarli –. Nei soli primi cinque mesi dall’acquisizione (agosto-dicembre 2016) i ricavi di Tumi sono arrivati a 260 milioni. Nel 2017 investiremo molto nel retail diretto, anche in Italia: le vendite nei monomarca nel 2016 sono salite del 17%, quasi sei punti in più rispetto al dato generale. Un’altra linea guida del gruppo è che il reatil diretto, inteso come negozi e vendite online, assorba la metà dei ricavi».

Tra gli altri marchi del gruppo Samsonite presenti in Italia c’è, oltre a Tumi, posizionato nell’alto di gamma, American Tourister, più accessibile. «Diventerà inoltre sempre più importante la catena di multibrand specializzati in viaggio Chic Accent, acquisita nel 2015 e che conta 31 negozi – aggiunge l’ad di Samsonite Italia –. Sempre due anni fa il gruppo aveva comprato Rolling Luggage, una catena presente negli aeroporti europei, e pochi giorni fa è stata la volta del portale e-bags.com, specializzato nel segmento travel: la nostra strategia retail è un mix di mono e multibrand, molto adatta anche all’espansione negli aeroporti».

Secondo Fabio Rugarli l’Italia può crescere anche grazie al miglioramento dei collegamenti via treno, sempre più utilizzati per tratte che fino a pochi anni fa erano coperte dagli aerei. Molti infine i progetti sui quali lavorano sia le filiali locali sia la sede centrale del gruppo: «Della piattaforma e-commerce siamo soddisfatti, assorbe circa il 10% delle vendite globali – conclude Rugarli –. Dobbiamo però migliorare l’approccio ai social network e continuare a esplorare la wearable technology per creare accessori che semplifichino davvero la vita ai viaggiatori».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti