verso la manovra

Iva ridotta per i pagamenti con le carte, più alta se si usa il contante

Ecco come nel cantiere della manovra si rafforza il tentativo di spingere sull’acceleratore per l’utilizzo di moneta elettronica e altri sistemi alternativi al contante

di Marco Mobili e Giovanni Parente


Stop al contante, card unica per identità e pagamenti

3' di lettura

Pagamenti elettronici e cashback si candidano a diventare le nuove variabili dell’Iva. Mentre sembra tramontare l’ipotesi di aumento selettivo per alcune categorie di beni e servizi, come dichiarato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, nel cantiere della manovra si rafforza il tentativo di spingere sull’acceleratore per l’utilizzo di moneta elettronica e altri sistemi alternativi al contante.

LEGGI ANCHE / Stop al contante, i limiti già in vigore e i bonus in arrivo

Incentivi e disincentivi passeranno rispettivamente per riduzioni e incrementi del carico Iva a seconda di come si deciderà di pagare alla cassa. Sono almeno tre gli scenari possibili su cui è aperto il confronto. Tra questi c’è una sorta di “bonus-malus”. In pratica, per alcune tipologie di prodotti e di servizi in settori ritenuti ad alto rischio di evasione l’ipotesi al vaglio dei tecnici di Via XX settembre sarebbe quella di incrementare di un punto percentuale l’imposta sul valore aggiunto per i pagamenti cash e ridurla di due punti percentuali per chi sceglierà una modalità alternativa e tracciabile. Secondo questo schema, con una cena al ristorante il conto saldato con banconote farà scattare l’aliquota Iva dal 10 all’11% mentre per chi si presenta con la moneta elettronica l’aliquota scenderebbe dal 10% all’8 per cento.

LEGGI ANCHE / Stop al contante, doppio sconto per chi usa carte di credito o bancomat

Discorso simile anche per chi salda il conto finale dell’albergo o per chi sostiene spese di manutenzione della casa. E per stimolare ulteriormente l’utilizzo della moneta elettronica si sta studiando un ulteriore incentivo per i consumatori: il cashback, ossia la restituzione del 2% delle transazioni con carte, bancomat o app. Una restituzione che potrebbe avvenire attraverso un credito d’imposta (quindi il canale fiscale) con un eventuale assegno per gli incapienti oppure, molto più probabilmente, con una restituzione mese per mese nell’estratto conto delle carte operato dagli istituti di credito e di intermediazione che le gestiscono. Questi soggetti recupererebbero gli importi restituiti con il meccanismo del credito d’imposta da portare in compensazione per abbattere altri debiti di natura tribuatria o contribuativa. In questo modo, «avremo un meccanismo virtuoso; il contante gira di meno e un’evasione più bassa» ha commentato ieri sempre il ministro degli Esteri Di Maio.

LEGGI ANCHE / Stop al contante: due strade per incentivare l'utilizzo del Pos

Per realizzare questo progetto e per evitare anche tentativi di elusione, nelle ipotesi allo studio dei tecnici c’è quella di intervenire da un lato con una riduzione delle commissioni a carico di autonomi, esercenti e commercianti che si doteranno del Pos o di altri strumenti per consentire pagamenti tracciabili. L’obiettivo in questa direzione è quello di arrivare a un protocollo con l’Abi. E come già anticipato dal sottosegretario al Mef Alessio Villarosa (si veda Il Sole 24 Ore del 20 settembre) l’intenzione sarebbe di eliminare i costi per i pagamenti sotto i 5 euro, ridurli drasticamente per i pagamenti da 5 a 25 euro e garantire oneri contenuti per quei settori a “bassa marginalità” come, ad esempio, benzinai o edicolanti.

LEGGI ANCHE / Prelievi oltre 5mila euro al mese da motivare

Di pari passo, si punterà anche a riaprire il dossier sulle sanzioni per chi non si dota o non consente i pagamenti con il Pos. L’obbligo di accettare forme di pagamento con moneta elettronica è rimasto finora senza alcuna conseguenza. Poco più di un anno fa il Consiglio di Stato ha, infatti, bocciato lo schema di regolamento del ministero dello Sviluppo economico di concerto con l’Economia che cercava di introdurre una sanzione facendo riferimento all’articolo 693 del Codice penale in base al quale chiunque rifiuta di ricevere, per il loro valore, monete aventi corso legale nello Stato, è punito con la sanzione amministrativa fino a trenta euro. Serve quindi una via d’uscita: Governo e Parlamento potrebbero trovarla rimettendo mano alla norma primaria.

GUARDA IL VIDEO / Swg: stop al contante? Il 58% è d'accordo

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...