emergenza Covid-19

J. Paul Getty Trust stanzia 10 milioni a sostegno dei musei di Los Angeles

Le istituzioni culturali Usa stanno perdendo complessivamente 33 milioni di dollari al giorno. Dal Board of Trustees un fondo di soccorso anticrisi

di Gabriele Biglia

default onloading pic

Le istituzioni culturali Usa stanno perdendo complessivamente 33 milioni di dollari al giorno. Dal Board of Trustees un fondo di soccorso anticrisi


4' di lettura

L'emergenza coronavirus negli Stati Uniti sta mettendo a dura prova la tenuta dei musei e delle istituzioni culturali americane che stanno perdendo complessivamente 33 milioni di dollari al giorno, costretti al shutdown che ha portato alla paralisi delle istituzioni culturali, con la chiusura anticipata delle mostre in corso, l'annullamento di quelle in programma, e al licenziamento i lavoratori. Trump ha annunciato, seppur tardivamente, di voler estendere, ottimisticamente, fino al 30 aprile le misure di “social distancing” in tutto il Paese, che ora guida la triste classifica mondiale dei contagiati.

Lo sforzo privato
Il prestigioso J. Paul Getty Museum , una delle istituzioni museali più importanti e ricche del mondo che accoglie ogni anno circa 1,8 milioni di visitatori, dopo aver annunciato la chiusura dei due campus, il Getty Center, sulla collina di Malibù, e la Getty Villa a Los Angeles, a causa della pandemia che in California ha già infettato oltre 9.800 persone con numeri in veloce aumento soprattutto nelle zone di Los Angeles e Santa Clara stando al California Medical Association , si è fatto promotore di un’importante iniziativa per aiutare i musei locali. Il Getty ha deciso di allungare la mano a quelle piccole e medie istituzioni culturali di Los Angeles che dispongono di poche risorse finanziarie per fare fronte alla crisi. Molte di esse nei giorni scorsi si erano appellate al J. Paul Getty Trust perché mettesse a disposizione delle risorse per le organizzazioni artistiche colpite duramente dal pandemia.

Il Board of Trustees del J. Paul Getty Trust non fatto attendere la sua risposta annunciando la creazione di un fondo di soccorso da 10 milioni di dollari per sostenere i musei e le organizzazioni di arti visive senza scopo di lucro con sede a Los Angeles in risposta alla crisi. Il Getty dispone di un budget per acquisizioni ordinarie e uno per acquisizioni straordinarie. Si tratta di budget molto consistenti, imparagonabili con quelli di qualsiasi altro museo del mondo.
Il fondo sarà amministrato dalla California Community Foundation Fellow for Visual Artists , fondazione creata da una donazione del J. Paul Getty Trust nel 1988 al fine di sostenere i visual artists di Los Angels. Il C.C.F. finanzierà le organizzazioni artistiche dell'area di Los Angeles con sovvenzioni per importi che varieranno da 25.000 a 200.000 dollari. “In questo frangente siamo spinti da un senso di responsabilità a sostenere molte delle organizzazioni che come noi stanno lottando con gli effetti della pandemia di Covid-19 e le conseguenti ricadute economiche” ha dichiarato James Cuno, presidente e chief executive del Getty Trust. La speranza è che altre fondazioni e singoli donatori facciano un passo avanti a sostegno della LA Arts COVID-19 Relief Fund .

“Il Board offre il suo importante sostegno e incoraggia altri leader locali e amanti dell'arte ad unirsi a noi in questo sforzo ” ha dichiarato David Lee, presidente del Board di Getty. È previsto anche l'aiuto agli artisti riproponendo la borsa di studio “ Fellowship for the Visual Arts ”, amministrata dalla California Community Foundation, sotto forma di borsa di sostegno di emergenza per singoli artisti in difficoltà finanziarie. “Los Angeles è una capitale dell'arte di livello mondiale. Siamo orgogliosi di collaborare con Getty per aiutare la nostra comunità artistica a sostenere le sfide senza precedenti che deve affrontare” ha dichiarato Antonia Hernandez, presidente e chief executive officer della California Community Foundation .
D'altronde al Getty, unica realtà museale al mondo in grado di avere a disposizione un budget annuale di 100 milioni dollari per nuove acquisizioni, le risorse finanziarie non mancano. Nel 2019 il facoltoso museo di Los Angels, fondato nel 1924 dal leggendario magnate del petrolio Jean Paul Getty, ha arricchito la proprie raccolte, che oggi contano oltre 125 mila opere, con l'acquisto di oltre 30 pezzi per ogni settore di raccolta del museo. Tra le opere acquisite, una coppia di rarissime sculture tardo gotiche in marmo raffiguranti l'Annunciazione (circa 1333-34) di Giovanni di Balduccio (1290-1339 circa) e un dipinto manierista di Agnolo Bronzino raffigurante la “ Madonna col Bambino con i santi Giovannino ed Elisabetta ”.

Virgin and Child with Saint Elizabeth and Saint John the Baptist, about 1540–45, Agnolo Bronzino. Oil on panel. The J. Paul Getty Museum

Gli aiuti dal Congresso
La notizia più incoraggiante per i musei americani è arrivata pochi giorni fa da Washington. Il Congresso degli Stati Uniti, riporta l' American Alliance of Museums (AAM) , organizzazione fondata nel 1906 che rappresenta i musei americani, ha approvato il disegno di legge in materia di aiuti economici Covid-19 (il Coronavirus Aid, Relief and Economic Security (CARES) , un pacchetto di aiuti da 500 miliardi messi a disposizione per la stabilizzazione economica) che include un importante sostegno ai musei da 2,2 miliardi di dollari. Il Senato ha approvato infatti all'unanimità il disegno di legge e la Camera dei Rappresentanti lo ha approvato a sua volta ed è ora alla firma del presidente. I 2,2 miliardi di dollari verranno utilizzati per i musei americani che in questo momento stanno perdendo complessivamente 33 milioni di dollari al giorno a causa della pandemia.
“Grazie al lavoro instancabile dei sostenitori dei musei, siamo riusciti a garantire che i musei fossero inclusi in questo importante pacchetto di aiuti economici” ha dichiarato Laura L. Lott, presidente e ceo dell'American Alliance of Museums.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...