Tesla Model Y, tutte le concorrenti del suv elettrico americano

6/16Auto

Jaguar I-Pace più british non ce n'è una

La prima Jaguar elettrica è una confortevole crossover con il piglio da coupé, spinta da due motori a corrente da 200 cv ciascuno: uno muove le ruote anteriori, l’altro quelle posteriori. Ad alimentarli sono le batterie agli ioni di litio garantite otto anni o 160.000 km montate sotto il pavimento dell’abitacolo, che promettono fino a 470 km di autonomia. Una volta esaurite, si possono rigenerare collegando il cavo in dotazione all'attacco nel parafango anteriore sinistro: da una presa 220 V e con 7 kW servono 13 ore per un pieno completo. Invece, a un punto di ricarica rapida da 100 kW, in 40 minuti gli accumulatori raggiungono l'80% di carica.

Nonostante la sinuosa carrozzeria l’abitacolo è spazioso: sul divano si sta bene pure in tre. Scenografica e chiara la strumentazione digitale e di buona qualità le finiture; tuttavia, qualche dettaglio, come le tasche delle porte prive di rivestimento morbido, è trascurato. Ricco il sistema multimediale a due schermi sovrapposti e dotato di Android Auto e Apple CarPlay, anche se manca la piastra per la ricarica wireless e la risposta al tocco non è sempre immediata. Se con sospensioni pneumatiche la Jaguar I-Pace ha un’agilità sorprendente di oltre 2200 kg. A rendere perfino divertente la guida contribuiscono lo sterzo diretto e la spinta decisa, istantanea dei motori elettrici. Bene insonorizzazione e assorbimento a patto di non esagerare con la misura dei cerchi con quelli di 22 pollici.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti