ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIndustria

Jeep Avenger, viaggio a Tychy nella fabbrica polacca dove nasce il nuovo suv

Lo storico stabilimento di Fca dove sono ancora prodotte le 500 ibride, la Lancia Ypsilon e l'Abarth si prepara ad assemblare il suvvino a partire da dicembre

di Corrado Canali

3' di lettura

Eccolo lo stabilimento di Tychy ad un'ora di auto da Cracovia. È qui che è cominciata la fase di pre-produzione della Avenger, l'urban suv sport di Jeep, il cui lancio è previsto tra febbraio e marzo 2023. Un sito industriale che è stata costruito tra il 1972 e il '75 e che attualmente, dalle sue linee di montaggio escono la 500 ibrida, la Lancia Ypsilon e l'Abarth, in un'area industriale di 2.345.848 m², di cui 326.000 riservati alla produzione. In tutto sono impiegate 2.200 persone. A Tychy gli operai lavorano 40 ore alla settimana. Il ciclo produttivo è di 17/20 vetture l'ora dunque in una giornata se ne possono produrre da un minimo di 136 fino ad un massimo di 160.

Il direttore della fabbrica ha lavorato anche in Italia

Nella breve visita limitata alla nuova linea produttivo di Aveneger ci accompagna il direttore delle stabilimento Tomasz perché ha lavorato ben sei anni sia a Pomigliano d'Arco che a Grugliasco, per poi rientrare nel 2020 a Tychy.. La produzione vera e propria comincerà in dicembre in vista del lancio commerciale che come detto scatterà tre mesi dopo. Sulla stessa linea sarà possibile assemblare l'intera gamma delle motorizzazioni dell'Avenger, ossia quella a batteria, ma anche la termica con 1.200 cc PureTech da 100 cc riservata ai mercati italiano e spagnolo e, forse ma non è ancora ufficiale, l'ibrido. Il tutto il semplicemente possibile programmando soltanto la sequenza corretta.

Loading...
Jeep Avenger, tutte le foto del nuovo baby suv

Jeep Avenger, tutte le foto del nuovo baby suv

Photogallery22 foto

Visualizza

Le plancia sono inserite nell'abitacolo in automatico

La visita parte dalla sezione che assembla le plance, un lavoro realizzato a parte, includendo le personalizzazioni previste. I moduli completati vengono poi spostati in una linea vicina dove ci sono le scocche ancora nude. Qui un grosso braccio meccanico inserisce la plancia nell'abitacolo dell'Avenger, con due tecnici, uno per ogni porta, che controllano l'effettiva riuscita dell'operazione. A questo punto ci spostiamo in un'altra parte della fabbrica, dove un grande arto robotico inserisce il parabrezza e il lunotto: e qui l'operaio fa davvero da spettatore, a meno che non ne sia richiesto l'intervento. I body arrivano sulla linea con le porte che poi, come sempre, vengono tolte, per poter allestire gli interni. Verranno rimontate soltanto alla fine insieme agli altoparlanti del modulo sound.

L'abbinamento fra scocca e pianale in 70 secondi

Assistiamo poi a quella che di sicuro risulta essere l'operazione più spettacolare dell'assemblaggio di un'auto: l'abbinamento fra la scocca e il pianale completo di powertrain e sospensioni. La prima passa in alto poi si ferma: l'autotelaio sottostante è sollevato da una macchina che lo avvicina alla carrozzeria: le due semiparti vengono tenute accostate e poi fissate in seguito. L'operazione, automatizzata, richiede fra i 70 e gli 80 secondi. E veniamo alla stazione del pacco batteria agli ioni di litio: il modulo pesa 340 kg e ha capacità lorda di 54 kWh. Il tutto prevede17 moduli, con 102 celle.

La batteria dell'Avanger è di produzione francese

La Avenger è dotata di impianto a 400 v, di ricarica di bordo di serie da 11 kW e di potenza da 100 kW. Presente anche l'utile pompa di calore. Infine, il powertrain M3 della Avenger, montato all'avantreno la trazione è anteriore, è il primo di una nuova famiglia ed è made in France: viene, infatti, realizzato nel sito di Trémery-Metz in joint venture fra Stellantis e la Nidec Leroy-Somer holding. E arriviamo così alla parte finale della produzione del suvvino Jeep che completata la serie di controlli si avvia ad entrare a fare parte del lotto di vetture che rientrano nella preproduzione della fabbrica.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti