l’uscita dalla Ue

Johnson ha fretta e rimette sul tavolo la Hard Brexit: scivolone della sterlina

Un emendamento del Governo prevede che non si possa concedere alcun rinvio del periodo transitorio che scade il 31 dicembre 2020, nonostante la complessità delle trattative per un accordo di partenariato. E la valuta britannica perde immediatamente oltre l’1%.

default onloading pic
(AFP)

Un emendamento del Governo prevede che non si possa concedere alcun rinvio del periodo transitorio che scade il 31 dicembre 2020, nonostante la complessità delle trattative per un accordo di partenariato. E la valuta britannica perde immediatamente oltre l’1%.


2' di lettura

Un accordicchio con la Ue o una Brexit senza accordo. A questo porterà, se accolto dal Parlamento, l’emendamento voluto dal premier Boris Johnson che, fedele al mantra “Get Brexit Done”, intende inserire nella legge di ritiro dalla Ue l’obbligo legale di non rinviare il periodo transitorio. La transizione scade il 31 dicembre 2020. Da gennaio a dicembre Londra e Bruxelles ingaggeranno una corsa contro il tempo per concludere un accordo di partenariato e non ci sarà alcuna rete di sicurezza.

Tempo troppo breve
Il primo voto sui piani di Johnson per uscire dalla Ue è previsto venerdì 20 dicembre alla Camera dei Comuni. Con l’emendamento deciso dal partito Tory non si avranno estensioni del periodo transitorio che, a partire dal 31 gennaio 2020, data prevista per la Brexit (ma potrebbe essere anticipata) vedrà la Gran Bretagna seguire ancora la maggior parte delle regole comunitarie mentre sarà impegnata in negoziati serrati con la Ue per arrivare a un trattato che regoli tariffe e in generale relazioni economiche. Se le leggi dell’Unione europea si applicheranno al Regno Unito, in questa fase Londra non avrà però diritto di voto nelle istituzioni comunitarie. Johnson ha più volte indicato il trattato di libero scambio tra Ue e Canada come un modello per le future relazioni Londra-Bruxelles. Omettendo di ricordare, però, che per concluderlo ci sono voluti sette anni. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen nei giorni scorsi ha ammesso che in alcuni importanti settori i negoziati dovranno proseguire oltre il 2020: aviazione, accordi finanziari speciali. Il cammino è inoltre irto di ostacoli a cominciare dalla questione degli standard ambientali.

La sterlina perde quota
La notizia del «no» per legge a rinvii ulteriori ha indebolito la sterlina perché riprende quota la possibilità di una hard Brexit, ovvero di un’uscita senza accordo. Anche intese solo parziali potrebbero causare notevoli problemi allo scambio di merci e servizi. La repentina decisione di Johnson sembra affondare le radici nel fatto che pur avendo il Governo britannico fin da subito escluso di andare oltre il 2020, la richiesta di uno slittamento potrebbe essere avanzata dall’Unione europea, ipotesi che circolava in questi giorni a Bruxelles. Così facendo Johnson lega le mani al suo Parlamento e all’Unione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti