gran bretagna

Johnson in terapia intensiva. Poteri a Raab: «governeremo senza esitare»

Il premier “supplente” garantisce: le decisioni verranno prese collegialmente dal gabinetto di governo

di Simone Filippetti

Boris Johnson primo leader positivo al coronavirus

Il premier “supplente” garantisce: le decisioni verranno prese collegialmente dal gabinetto di governo


3' di lettura

LONDRA - La Gran Bretagna vive la sua «Darkest Hour», la sua ora più buia. Senza il Primo Ministro, in terapia intensiva, anche se non intubato, contagiato dal coronavirus; mentre il paese deve affrontare la sua crisi più grave e difficile dalla Seconda Guerra Mondiale. Boris Johnson è in ospedale in condizioni serie.

A fare le veci del premier, “quando necessario” espressione generica usata dai portavoce dell’esecutivo, è arrivato il ministro degli Esteri, in qualità di primo segretario di stato. Dominic Raab, figlio di immigrati cescoslovacchi e Hard Brexiter, era stato indicato come ”Designated Survivor” (il sopravvissuto prescelto), poche settimane fa nel caso Johnson non fosse stato in grado di governare. Tra le prime dichiarazioni di Raab, una dedicata proprio a Bo Johnson: «è stato uno shock per noi, perché lui non è solo il nostro primo ministro e il nostro capo, ma anche un collega e un amico». Il premier “supplente” ha detto anche che Johnson ora è stabile e riceve «cure eccellenti». Ma ha sottolineato soprattutto che il Regno Unito non resta senza leader in questo momento particolarmente difficile della sua storia: in assenza di Johnson spetterà alla «responsabilità collettiva del gabinetto» prendere le decisioni: decisioni su cui «non esiteremo e non batteremo ciglio».

Il trasferimento
Il premier britannico Boris Johnson è stato trasferito lunedì sera in terapia intensiva al St Thomas hospital di Londra dopo che le sue condizioni sono peggiorate in seguito al ricovero per il coronavirus. Lo riferisce Downing Street precisando che Raab gli subentra per esercitare la supplenza. Già nella mattina di lunedì, il ministro aveva presieduto le riunioni al posto di Boris. Sarà già Raab a presiedere la riunione della task force su Covid-19, quella che prende le decisioni sulla gestione dell’emergenza coronavirus. Di fatto è lui il Primo Ministro.

Il capo dell’opposizione laburista Keir Starmer ha commentato il trasferimento di Johnson in terapia intensiva con un tweet: «Notizia terribile. Tutti i pensieri del Paese sono con il primo ministro e la sua famiglia in questo momento così incredibilmente difficile».

Il ricovero
Johnson era stato ricoverato in ospedale per «precauzione» poiché i sintomi del coronavirus persistevano, con febbre e tosse, a dieci giorni dall’accertamento della positività. La decisione, pochi minuti dopo lo storico discorso della Regina Elisabetta, aveva sollevato dubbi sul reale stato di salute del premier: una corsa all’ospedale di domenica sera, mentre il paese era ancora attaccato alla tv per le parole della sovrana, era sospetto. E perché il ricovero pareva esagerato se si trattava solo di banali esami medici, come aveva “cinguettato” lo stesso Boris sul suo profilo Twitter, esami che avrebbero potuto essere eseguiti nella residenza-ufficio al 10 di Downing Street, che spetta a ogni premier e dove da 10 giorni Boris si era auto-isolato.

Leggi anche / L'amaro destino amaro del premier che voleva farsi beffe del virus

Le reali condizioni di salute del capo del Governo sono poi diventate un caso internazionale quando un’agenzia di stampa russa ha lanciato la notizia che Boris fosse stato attaccato a un ventilatore. Il Governo ha smentito, salvo poi in serata dover ammettere che il Premier ha effettivamente subito un trattamento per l’ossigeno, m a senza essere intubato. Tra Russia e UK le relazioni sono pessime dai tempi del caso Litvinenko, la spia russa avvelenata col polonio in un ristorante di Londra.

Coronavirus, Trump: "Fiducioso che Boris Johnson guarisca presto"

Johnson, 55 anni, era entrato in ospedale domenica sera per quella che è stata descritta come una serie di esami di routine. «Su consiglio del suo medico curante, il primo ministro è stato ammesso in ospedale per effettuare analisi. È una precauzione, in quanto continua ad avere sintomi persistenti di coronavirus dieci giorni dopo essere risultato positivo al virus» diceva un comunicato di Downing Street.

Il premier ha ringraziato i lavoratori del National health system, il servizio sanitario britannico e, in un video, ha pregato i cittadini del Regno Unito di «stare a casa per proteggere il servizio sanitario e contribuire a salvare vite umane».

Johnson, in un primo momento contrario alle misure di contenimento tanto da arrivare a dire agli inglesi «preparatevi a perdere i vostri cari» , ha accusato i primi sintomi della malattia il 26 marzo e il giorno dopo è stato ufficialmente diagnosticato il Covid-19. Il premier inglese è stato il primo leader del G7 (e per il momento l’unico) a essersi ammalato di coronavirus. Anche Matt Hancock, il ministro della Sanità britannico, è stato colpito dla virus ma è già guarito. E’ ancora in isolamento Dominic Cummings, il consigliere speciale di Johnson, il regista della vittoria della Brexit e del le elezioni politiche di fine anno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...