regno unito

Johnson progetta di spostare da Londra a York la Camera dei Lord

Secondo la stampa britannica è una delle ipotesi allo studio di Downing Street nell’ambito di una riforma che vuole diffondere le istituzioni sul territorio

di Roberta Miraglia


default onloading pic
(Reuters)

2' di lettura

La Camera del Lord inglese potrebbe traslocare nel Nord dell’Inghilterra, ex bastione del Labour Party ora passata ai Tory, e in pole position come nuova sede c’è la città di York. Il trasferimento, a cui sta lavorando il primo ministro Boris Johnson, è stato rivelato dalla stampa britannica e confermato dal leader del partito conservatore. L’ipotesi di spostare a Nord la Camera dei Pari si inserisce in una più ampia revisione costituzionale che intende diffondere sul territorio le istituzioni.

Connettere il territorio con la politica
«Stiamo guardando a un insieme di opzioni - ha confermato James Cleverly, presidente del Partito Conservatore, in un’intervista a Sky News - per essere sicuri che ogni angolo del Regno Unito sia propriamente connesso con la politica». E ha aggiunto: «Quando il primo ministro subito dopo le elezioni ha detto “questo sarà il Governo del popolo” lo intendeva veramente e ciò significa connettere la gente con il governo e la politica». Cleverly non ha voluto precisare se tra le ipotesi ci sarà anche la nuova sede di York ma ha confermato che i cambiamenti «saranno radicali».

In arrivo un’ampia riforma costituzionale
Secondo il Sunday Times, che per primo ha dato la notizia di un trasferimento nell’antica città di York, fondata dai romani, si tratta di un tassello di una più ampia riforma costituzionale allo studio di Downing Street che dovrebbe interessare anche il ruolo della Corte Suprema e del Lord Cancelliere. Le indiscrezioni sulla sorte delle principali istituzioni della più antica monarchia parlamentare della storia arrivano mentre il premier, alle prese con il dopo Brexit da negoziare con la Ue, cerca di spostare il focus sull’agenda domestica con l’intento di consolidare la vittoria elettorale che lo ha visto prevalere in molte delle roccaforti laburiste, soprattutto nel Nord dell’Inghilterra. Sembra che il primo ministro abbia anche chiesto ai funzionari di limitare i suoi viaggi nel corso del 2020.

L'Ue avverte Johnson, negoziati duri per il dopo Brexit

In corsa anche Birmingham
La scelta di York, città famosa per la sua cattedrale medievale, sembrerebbe la prima scelta del Governo e brucerebbe Birmingham, seconda città della Gran Bretagna situata nel centro del Paese. L’occasione per lo spostamento della Camera Alta - non elettiva e con limitati poteri legislativi rispetto alla Camera dei Comuni - potrebbero essere i lavori di manutenzione straordinaria del Palazzo di Westminster che verrà svuotato per parecchi anni a partire dal 2025.

Fonti del Governo: investimenti fuori da Londra
Fonti governative citate dall’Indipendent si sono limitate a dire alla stampa britannica che «il primo ministro vuole tenere sessioni parlamentari nelle regioni , siano esse a Sunderland o Manchester, in modo che la gente abbia l’opportunità di conoscere direttamente la democrazia in azione». Secondo un’altra fonte di Downing Street, i cambiamenti in arrivo «serviranno come un forte segnale della determinazione governativa a spostare il focus di attenzioni e investimenti fuori da Londra».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...