boxe in arabia saudita

Joshua batte Ruiz nel mondiale delle 4 corone da oltre 100 milioni

I pugili Anthony Joshua e Andy Ruiz si sono sfidati in Arabia Saudita sul ring della Diriyah Arena in un match tra i più ricchi della storia del pugilato. Il britannico Joshua ha vinto ai punti riprendendosi i titoli mondiali WBA, IBF, WBO e IBO della categoria pesi massimi.

di Emanuele Cuomo

default onloading pic
Joshua Ruiz (Ap)

I pugili Anthony Joshua e Andy Ruiz si sono sfidati in Arabia Saudita sul ring della Diriyah Arena in un match tra i più ricchi della storia del pugilato. Il britannico Joshua ha vinto ai punti riprendendosi i titoli mondiali WBA, IBF, WBO e IBO della categoria pesi massimi.


2' di lettura

I pugili Anthony Joshua e Andy Ruiz si sono sfidati sabato 7 dicembre in Arabia Saudita sul ring della Diriyah Arena. Il britannico Joshua si è ripreso vincendo ai punti i titoli mondiali WBA, IBF, WBO e IBO della categoria pesi massimi. I due si sono affrontati a poco più di sei mesi di distanza dall’incontro del 2 giugno, quando al Madison Square Garden di New York il messicano Ruiz vinse alla settima ripresa contro il più quotato rivale. Si attende ora un più che probabile terzo incontro.

Il favorito

Anthony Joshua, nonostante il ko rimediato in America, è partito con il favore dei pronostici anche nella sfida organizzata in una struttura da 15 mila posti a sedere, sorta in due mesi appositamente per ospitare l'incontro. Il combattimento, ribattezzato “Scontro tra le dune”, ha visto i due pugili affrontarsi nella città d’origine della famiglia reale saudita. Secondo il Daily Star Sports, al popolare boxeur inglese, 107,4 kg al peso, è andata una borsa di 60 milioni di dollari. L’atleta di origini nigeriane, già oro olimpico a Londra 2012, combatte tra i professionisti dal 2013. A curare gli interessi economici di Joshua è la Matchroom Sport, società britannica che da oltre trent’anni gestisce e promuove eventi sportivi.

Commissioni
La Matchroom Sport, fondata dall’imprenditore Barry Hearn, ha strappato ai sauditi una commissione da 40 milioni di dollari per portare il match nello stato arabo. Nella trattativa ha giocato un ruolo importante Eddie Hearn, amministratore delegato della società presieduta dal padre. Va sottolineato che la borsa da 9 milioni di dollari destinata al campione in carica Andy Ruiz, arrivato a 128 kg sei in più dell’ultima sfida, è stata inserita nella clausola di rivincita, pattuita in occasione del primo incontro. In sostanza al messicano non spetta nemmeno un dollaro dell’importante “fee” versata dai sauditi. Dunque, a dettare le regole del gioco nel mondo della boxe sono le potenti società di promozione di eventi sportivi. Lo scorso anno Perform Group ha siglato un accordo da 1 miliardo di dollari, per trasmettere fino al 2026 negli Stati Uniti in streaming su DAZN i match targati Matchroom Boxing, controllata dalla Matchroom Sport (il match Joshua-Ruiz sarà tramesso a partire dalle 21,45).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti