presidente della Commissione Ue

Juncker: «La Tav va fatta, la Ue ci mette 888 milioni»

Juncker: Italia a crescita zero, problemi aumenteranno


1' di lettura

«Penso che l’Italia sappia quali sono i suoi problemi: la crescita in Italia è in ritardo rispetto a quella europea da 20 anni a questa parte, ma dire che è un rischio» per l’economia mondiale come ha fatto il Fmi «è un’esagerazione, malgrado il debito pubblico sia preoccupante». Così il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker intervistato da Fabio Fazio a Che tempo che fa. «Crediamo che la crescita dell'Italia arriverà solo allo 0,2 per cento, cioè zero. Il che vuol dire che i problemi dell'Italia continueranno a crescere», ha proseguito Juncker.

La Tav va fatta, la Ue ci mette 888 milioni
«L’Ue concede circa 888 milioni di euro per cofinanziare il progetto della Torino-Lione. Sono stati già impegnati alcuni crediti e io desidererei che la Tav si facesse. È importante per ragioni economiche, sociali e ambientali. Ne vale la pena», ha detto il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker.

GUARDA IL VIDEO - Macron riunisce Xi, Merkel e Juncker: Cina rispetti unità dell'Ue

Favorevole a Via della Seta, nessun pericolo da Italia
«Sono favorevole a questa nuova Via della Seta. È un progetto ampio che permette di cadere l’uno nelle braccia dell’altro», ha spiegato Juncker. «Non mi piace che i singoli europei sottoscrivano contratti individuali con la Cina, ma in quello fatto dall’Italia con la Cina non vedo alcun pericolo grave», ha aggiunto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...