ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùsport

Juventus, ottavo scudetto di fila: così il calcio italiano muore di noia

di Francesco Prisco


Allegri: "Delusione Champions, ma ora festa scudetto"

4' di lettura

Dunque, rieccoci qua: Juventus campione d’Italia per l’ottavo anno di fila, 35esimo scudetto della sua storia c0nseguito dopo aver battuto 2-1 in casa la Fiorentina con la rete di Alex Sandro (37’) e l’autogol di Pezzella (53’) che hanno ribaltato il momentaneo vantaggio della viola firmato da Milenkovic (6’). Ma come si fa a commentare l’ottavo scudetto consecutivo della Juve con parole diverse da quelle usate per il settimo? La tentazione di prendere lo stesso articolo scritto l’anno scorso, cambiare date, numeri, qualche nome e riproporlo è enorme. Permettete un pensiero inattuale?
Di fronte all’eterno ritorno dell’uguale (Nietzsche), ci si salva solo con la ripetizione (Kierkegaard). Non lo faremo tuttavia. E sapete perché? Perché la ripetizione ci annoia. Concetto terra-terra che a nostro avviso farebbero bene a comprendere pure nella stanza dei bottoni dell’Italia pallonara: lo strapotere bianconero uccide di noia il prodotto calcio.

GUARDA IL VIDEO. Allegri: «Lo scudetto va festeggiato»

Kenny muore sempre: sembra «South Park»
Perché una storia appassioni, un racconto interessi, una narrazione tenga viva l’attenzione del pubblico, serve un conflitto. Alla nostra serie A questo conflitto manca da troppo tempo. Guardereste un film in cui si capisce subito che alla fine lui muore? Leggereste un romanzo dove è chiaro fin dalla prima pagina che Tizio si sposa con Caia? Quante stagioni potrà mai durare una serie Tv senza mezzo colpo di scena? Persino chi produce fumetti deve essersi posto il problema, se è vero che Superman e Capitan America sono morti e resuscitati da un albo all’altro. Il calcio italiano, invece, sembra ormai rassegnato a una specie di destino da South Park, cartoon politicamente scorretto che a ogni puntata ripropone uguale a sé stesso il tormentone della morte di Kenny.

Alternanza tra 5 club da quando la serie A va in Tv
Quella però è satira, non sport. Nello sport la contendibilità è la chiave dell’interesse del pubblico e uno strapotere non può mai essere eterno, a meno che il sistema non voglia segare il ramo su cui è seduto. In Formula 1, quando vince sempre la stessa scuderia, va a finire che prima o poi si cambiano le regole. Il calcio italiano una stagione fa ha introdotto la Var ma, polemiche a parte, non è servita a cambiare le gerarchie. Persino nel wrestling, disciplina che ha più cose in comune con la fiction che con l’attività sportiva, qua e là ci si preoccupa di far vincere il villain per mettere un po’ di pepe. E invece guardiamo gli ultimi 50 anni di serie A. Dal 1969 al 1994 lo scudetto è andato a 11 squadre diverse, con eccezioni clamorose alla leadership dei grandi club del Nord che si chiamano Fiorentina, Cagliari, Verona e Sampdoria. Dal 1994 al 2019 l’alternanza coinvolge appena cinque club. E per merito delle annate straordinarie che oggi sembrano irripetibili di Lazio (1999/2000) e Roma (2000/2001), brevissime parentesi nei cicli di Milan, Inter e soprattutto Juventus. C’entrerà qualcosa il fatto che dalla stagione 1993-1994 è cominciata la cessione dei diritti televisivi alle pay Tv?

Lo strapotere fa bene alla Juve?
Sia chiaro: qui nessuno vuole crocifiggere la Juventus che, comprando Cristiano Ronaldo dal Real Madrid, ha ucciso il campionato prima ancora che cominciasse. Il cinque volte pallone d’oro è arrivato a Torino per 100 milioni con un contratto quadriennale da 30 milioni netti l’anno e un obiettivo: riportare dopo 23 anni la Champions in bianconero. L’operazione, almeno per quest’anno, non è riuscita: gli eroici furori della compagine allenata da Allegri si sono spenti di fronte ai giovani olandesini dell’Ajax. Per paradosso, con Cr7 la Juve si ritrova addirittura un titolo in meno (la Coppa Italia) rispetto all’anno scorso. Le fa bene questo strapotere in Italia? Molti tifosi juventini, posseduti dallo spirito della nemesi di calciopoli, non avranno dubbi e risponderanno affermativamente. «Dovete impazzire», l’affettuoso slogan che indirizzano alle tifoserie avversarie. Anche chi sostiene le ragioni storiche della nascita di una Superlega europea tirerà acqua al suo mulino, argomentando sulla svalutazione dei campionati nazionali. Certo, dovrà spiegarci che senso ha la Superlega in un calcio europeo che tra le prime quattro squadre di Champions un anno esprime la Roma e quello dopo l’Ajax. Outsider al vertice, belle storie, linfa vitale per lo sport.

Juventus, la festa per l’ottavo scudetto consecutivo

Juventus, la festa per l’ottavo scudetto consecutivo

Photogallery20 foto

Visualizza

Le responsabilità delle altre
Tra le avversarie, lo strapotere juventino se lo portano sulla coscienza prima di tutte Inter e Milan, sfiancate da passaggi societari tutt’altro che lineari, approdate l’una in mano al gruppo cinese Suning, l’altra al fondo americanno Elliott, hanno investito tanto sul ritorno in vetta. Ma piuttosto male, a conti fatti. La crisi delle milanesi rappresenta il nocciolo della questione crisi del movimento italiano. Nel vuoto da loro creato si sono infilate a turno Napoli e Roma, club ispirati a modelli societari molto diversi - la «multinazionale tascabile» di De Laurentiis da un lato, la controllata italiana dell’italoamericano Pallotta dall’altro - in entrambi i casi parecchio distanti dai bianconeri. Fuori dal campo e dentro.

Un giorno ne usciremo (ma anche no)
Come se ne esce? Ci inventiamo improbabili play-off? Mettiamo in piedi meccanismi di mercato stile Nba? Mandiamo alle ortiche il fairplay finanziario e chi riesce a trovare soldi li spende, come ai tempi belli? Di fanta-soluzioni ne abbiamo sentite tante, ma forse la domanda preliminare che dovremmo porci è un’altra: siamo sicuri che il movimento calcistico italiano ne voglia veramente uscire? Boh. Intanto godiamoci le semifinali di ritorno di Coppa Italia che contrappongono le «outsider» Milan, Lazio, Atalanta e Fiorentina. E mettiamo da parte questo pezzo: potrebbe tornare buono per l’anno prossimo. Buona Pasqua e buona fortuna.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Francesco PriscoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: economia della cultura e dell'entertainment, musica, libri, cinema, cultura, società

    Premi: Premio Giornalistico State Street 2018 - Categoria: Innovation

Per saperne di più

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti