Sport

Juventus, Tardelli: "L'Heysel? Quella Coppa dei Campioni non la riconosco"

a cura di Datasport

1' di lettura

"Io non ho mai vinto la Coppa dei Campioni. Cioè l'ho vinta ma non l'ho... vinta, non la riconosco". Con queste parole, pronunciate a margine di una serata di beneficenza andata in scena ieri sera a Monsano, in provincia di Ancona, per raccogliere fondi da devolvere alle popolazioni colpite dal terremoto, Marco Tardelli torna con la memoria a quella terribile notte del 29 maggio 1985 quando allo stadio Heysel di Bruxelles, in occasione della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool, si verificò una delle più grandi tragedie nella storia del calcio: in seguito agli scontri causati dagli hooligans inglesi morirono 39 tifosi, 32 dei quali italiani, e più di 600 persone rimasero ferite.

La partita si giocò ugualmente e i bianconeri, all'epoca allenati da Trapattoni, vinsero 1-0 grazie a una rete di Platini su rigore. Ma quella non fu certo una notte di festa e Tardelli, che già in passato prese posizione in maniera piuttosto netta sull'argomento, ribadisce il suo pensiero.

L'ex centrocampista si sofferma anche sull'attualità e in particolare sul lavoro di Massimiliano Allegri, a suo dire sottovalutato: "Tanti forse non si ricordano che è arrivato in finale di Champions - le sue parole. A volte lo sento criticare e sinceramente la cosa mi infastidisce. Spero rimanga ancora a lungo alla Juventus".

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti