TEST DRIVE

Kamiq, sul terzo suv firmato Škoda sale a bordo l’assistente vocale

Crossover. La marca boema completa la gamma degli sport utility con un modello entry level. È stato sviluppato per l'ambito urbano e punta su dotazione tecnologica, stile e versatilità

di Corrado Canali


Kamiq, arriva il terzo suv firmato Škoda

3' di lettura

STRASBURGO - In attesa di lanciarsi nella prossima sfida, quella delle elettrificazione, annunciata al recente Salone di Francoforte, Škoda completa l’offerta di modelli a ruote alte, già composta da Karoq e Kodiaq con il compatto Kamiq, l’ultimo arrivato che forse è il più strategico dei tre, visto che si va ad un inserire nel settore dei suv compatti di taglia urbana, una nicchia dove anche i cugini di Volkswagen si sono inseriti con il loro T-Cross, gemello diverso del nuovo modello della casa di Mladá Boleslav.

Kamiq pure dimostra sin dal primo impatto una propria personalità, merito di uno stile riuscito oltre che di una offerta accessibile.

Le vendite inizieranno a novembre, il listino sarà definito nelle prossime settimane e i prezzi dovrebbero essere compresi in un range tra 20mila e 26mila euro

Škoda Kamiq

Lungo poco più di quattro metri, 4.241 mm si propone con linee squadrate, come da tradizione di Škoda, un cofano sempre muscoloso che sovrasta il nuovo gruppo ottico anteriore diviso in due parti, su due livelli e con delle luci a Led che trovano posto sopra i fari. A cui si aggiunge un altro segno distintivo del brand boemo, l’ampia calandra tridimensionale, sistemata sopra la grande griglia d’aerazione nella parte più inferiore.

All’interno, la Kamiq presenta uno stile inedito per gli interni, ringiovaniti e più tecnologici col grande touch-screen a sviluppo verticale sistemato in alto sulla plancia e che arriva a misurare fino a 9,2 pollici, dai 6,5 delle versioni base. E che si aggiunge al virtual cockpit, un’opzione, che misura 10,25 pollici e permette di scegliere tra tante schermate personalizzabili per la strumentazione di bordo.

Infine sulla Kamiq, per la prima volta su una Škoda, numerose funzioni si possono gestire grazie ai comandi vocali evoluti dell’assistente digitale Laura. Il nuovo sistema di controllo vocale, infatti, permette ora di riuscire a gestire funzioni come la navigazione, la riproduzione dei brani e il telefono con la voce, senza dovere più utilizzare ne il “touch” del display e neppure i comandi al volante.

Skoda Kamiq, le foto del nuovo suv compatto

Skoda Kamiq, le foto del nuovo suv compatto

Photogallery45 foto

Visualizza

Il modello Škoda è realizzato sulla piattaformaMqb A0 ed è, dunque, anche parente stretta della Scala (nonché di T-Cross e Seat Arona) e offre altrettanti spazi interni generosi di solito riservati ai modelli di taglia superiore con un ampio spazio per i sedili anteriori e soprattutto per il divano dietro che offre ai passeggeri tutto lo spazio necessario per gambe, spalle e testa. Il bagagliaio ha una capacità di 400 litri che aumenta fino a 1.395 litri abbassando i sedili posteriori. Alla guida la nuova Kamiq è dinamica e agile sia sulle strade urbane che in quelle fuori porta.

Si viaggia divertendosi al volante ed è anche possibile impegnarsi in qualche tornante veloce. Se poi si vuole una guida più racing allora si può scegliere l’assetto sportivo regolabile Sport Chassis Control, una configurazione che ribassa di 10 millimetri la vettura

Per il primo test di guida la scelta è andata sulla Kamiq col motore tre cilindri di 1.000 cc Tsida 115 cv che sorprende per la generosa coppia in basso e non delude anche nei consumi. Su un percorso comprensivo di strade urbane, extra urbane e anche un tratto di autostrada, il computer di bordo ha segnalato un consumo di 7,5 litri per 100 km.

Gli altri motori previsti nella gamma del Kamiq sono il 1.000 Tsi da 95 cavalli e il top di gamma sempre a benzina che è il quattro cilindri di 1.500 cc da 150 cavalli. In alternativa c’è poi il quattro cilindri di 1.600 cc diesel Tdi da 115 cv, oltre al motore 1.000 tre cilindri G-Tec a metano da 90 cavalli. Su strada, il 3 cilindri 1.000 a benzina, si fa apprezzare per il buon confort con cui si possono macinano tanti chilometri, con la possibilità di aggiungere alle qualità di un assetto da crossover di razza, degli ammortizzatori specifici, con lo Sport Chassis Control che regola la risposta della vettura su un comportamento ancora più dinamico.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...