la volontaria italiana rapita

Kenya: Silvia Romano è viva, identificati tre sospetti


default onloading pic
(AP)

2' di lettura

«Silvia Romano è viva. Non abbiamo dubbi» a dirlo è Noah Mwivanda, comandante regionale della polizia di tutta la regione costiera kenyana, secondo quanto riferisce Repubblica.it. «Silvia si trova nella foresta, in mano a tre degli assalitori. Gli altri cinque sono scappati, e ne abbiamo perse le tracce. Di lei invece abbiamo la localizzazione e le impronte», ha detto Mwivanda. La 23enne volontaria italiana è stata rapita martedì scorso da un gruppo di uomini armati sulla costa del Kenya, a 70 chilometri da Malindi.

La polizia del Kenya ha identificato tre sospetti per il rapimento di Silvia Romano e ha deciso di offrire una ricompensa di un milione di scellini (circa 9.750 dollari) a chiunque fornirà informazioni che portino al loro arresto. I nomi dei sospetti sono: Ibrahim Adan Omar, Yusuf Kuno Adan e Said Adan Abdi. Silvia Romano lavorava nel Paese africano per una organizzazione con sede a Fano, nelle Marche: la Africa Milele Onlus.

Rapitori forse in fuga su due moto
La polizia kenyota sospetta che due motociclette trovate durante la caccia ai sequestratori “siano state usate come mezzo di fuga” dopo il rapimento di Silvia Romano. Lo si legge nel comunicato in cui si annuncia anche l’individuazione di tre sospetti. Nella nota la polizia specifica il nome della fabbrica di Nairobi dove sono state assemblate (Auto Industries Ltd) e del negozio di Malindi (sulla Jamhuri Road) dove sono state vendute. Viene precisato, con tanto di numero di carta d’identità, anche il nome dei due acquirenti (Moses Suleiman Mbogo e Joseph Bakuna Kasungu) ai quali viene chiesto di presentarsi «immediatamente nel più vicino commissariato». Il sequestro delle due motociclette era stato annunciato l’altro ieri dal capo della polizia regionale costiera, Noah Mwivanda, già ipotizzando che fossero state usate dai rapitori.

La polizia agli abitanti della zona: dateci informazioni
Nella nota la polizia kenyana fa inoltre « appello ai residenti della zona, in particolare ai pastori, affinché sostengano la squadra multi-agenzia nella sua operazione con informazioni che possano portare al salvataggio» di Silvia Costanza Romano «e all'arresto dei sospetti» rapitori. Il pool di diversi corpi delle forze sicurezza kenyane sta «facendo tutto quello che può per salvare la signora e arrestare i sequestratori», premette la nota pubblicata dalla polizia sui
propri account Facebook e Twitter, facendo appello anche alla «nostra responsabilità collettiva per la sicurezza pubblica».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...