ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa parigi

Kering in forte calo, pesa l'accordo con il fisco italiano

Il gruppo del lusso francese è fortemente penalizzato dalle vendite all'indomani della pubblicazione dei conti del primo semestre. I risultati hanno mostrato un utile in ribasso del 75 per cento

di Flavia Carletti


default onloading pic
sfilata di Gucci

2' di lettura

Tonfo di Kering alla Borsa di Parigi all'indomani della pubblicazione dei risultati del primo semestre dell'anno, fortemente penalizzati dalla querelle chiusa con il fisco italiano. I titoli del gruppo del lusso guidato da Francois-Henri Pinault mettono a segno la peggiore performance del Cac40 (poco mosso), con una flessione arrivata a superare anche l'8 per cento. Ieri, Kering ha reso noto di aver chiuso i primi sei mesi dell'anno con un utile netto di 579,7 milioni di euro, in calo del 75% dai 2,36 miliardi dello stesso periodo dell'anno scorso.

Pesa l'accordo da 1,25 miliardi con l'Agenzia delle entrate

La flessione è dovuta soprattutto a costi una tantum, in particolare alla somma di 1,25 miliardi di euro che Kering ha accordato di pagare all'Agenzia delle entrate per porre fine al contenzioso fiscale nato da una indagine della Guardia di Finanza, che aveva contestato al gruppo francese una presunta evasione fiscale da circa 1,4 miliardi di euro con ricavi non dichiarati per 14,5 miliardi. Il fatturato del semestre è salito del 18,8% a 7,64 miliardi (+15,3% su base organica), con quello del brand Gucci cresciuto del 16,3% su base organica a 4,62 miliardi (nel secondo trimestre il fatturato del marchio, tenuto sotto osservazione dagli investitori, è aumentato del 15,9% a 3,85 miliardi).

Fatturato in salita, Deutsche Bank diventa comunque cauta

«Nei primi sei mesi abbiamo ottenuto un fatturato aggiuntivo di 1,2 miliardi di euro, mentre il nostro attuale margine operativo ha raggiunto un massimo record del 29,5%», ha detto l'amministratore delegato. Alla luce dei risultati del primo semestre dell'anno, Deutsche Bank ha abbassato il giudizio sul titolo da "buy" a "hold" con target di prezzo portato da 530 a 520 euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...