Fintech

Klarna cresce in Italia e lancia la shopping app che rateizza le spese

La società svedese sbarcata in Italia nell’ottobre 2020 oggi conta oltre un milione di utenti attivi, 6.500 brand partner e ha appena lanciato una app per rateizzare tutti i pagamenti

di Marta Casadei

App. Permette di rateizzare qualsiasi spesa fatta

I punti chiave

  • Klarna è una fintech attiva nel retail banking nata nel 2005
  • Ha chiuso il 2021 con gmv a 80 miliardi di euro
  • In Italia da ottobre 2020 ha da poco superato quota 1 milione di utenti e cresce

3' di lettura

L’ultima arrivata è la app per lo shopping, pensata per rendere l’esperienza di acquisto meno complicata possibile e rateizzare le spese anche nel caso in cui i brand non siano partner di Klarna. Il percorso dell’azienda svedese di retail banking, è iniziato meno di vent’anni fa in uno scenario decisamente diverso (dove non solo non esistevano le app ma nemmeno gli smartphone) e ha fatto un balzo importante sull’onda della trasformazione tecnologica: è nata nel 2005 e oggi è attiva in 45 Paesi con 147 milioni di utenti e un gross merchandising value di 80 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2021.

La conquista culturale del consumatore italiano

In Italia Klarna è sbarcata nell’ottobre 2020 con alcuni partner e una decina di persone nello staff e si è affermata cavalcando non solo l’evoluzione tech, ma anche una trasformazione culturale che la pandemia, a suo modo, ha contribuito ad accelerare. Mentre il Covid-19 rendeva l’acquisto online una prassi anche tra le fasce meno tecnologiche della popolazione, le soluzioni di pagamento smart hanno preso piede soprattutto tra i più giovani: «In Italia c’è una bassa penetrazione delle carte di credito, per una certa avversione all’accedere a forme di credito - dice Francesco Passone, head of Southern Europe di Klarna - e così la possibilità di dilazionare le spese fatte con qualsiasi carta, anche prepagata, e senza costi, a fronte di un rapido controllo delle finanze, ha trovato terreno fertile». Così oggi Klarna ha 6.500 partner, un team di 200 persone e un pubblico sempre più nutrito: a metà febbraio 2022 l’azienda ha annunciato di aver superato quota 1 milione di consumatori attivi nel mercato italiano. «L’Italia è un mercato meno evoluto nei pagamenti digitali rispetto ad altri - continua Passone - e ha un peso specifico che dipende da brand a brand, ma al netto di queste considerazioni il tasso di utilizzo dei nostri servizi sta crescendo rapidamente e si sta allineando a quello del Regno Unito».

Loading...

Brand e acquisti trasversali, dalla Treccani al lusso

La moda - insieme all’elettronica, al design e al beauty - è uno dei settori in cui i pagamenti smart (le 3 rate senza interessi, il “compra adesso e paga dopo”, ma anche il “paga ora”: questi i servizi di Klarna in Italia ) si stanno diffondendo e affermando con maggiore velocità. Tra i partner dell’azienda (online e offline) ci sono marchi diversi che spaziano dal fast fashion (H&M, Alcott) al lusso (Santoni, Aquazurra), ma anche e-tailer come net-à-porter. «Per l’Italia abbiamo scelto un approccio orientato al mondo della moda e del beauty a 360 gradi - continua Passone - ma gli acquisti sono molto eterogenei sia per prodotto - si va dall’abbigliamento alla Treccani, passando per l’aspirapolvere Dyson, sia per importo». Il successo di questo modello di pagamento, come spesso accade, è “certificato” dall’ingresso in campo di alcuni big player del settore e-shopping e e-payment: Paypal e Amazon. «Diamo il benvenuto a competizione di ogni genere, vogliamo migliorare ed estendere esperienza di smooth shopping. Klarna nasce come operatore di buy now pay later ma per noi questo era un punto di partenza: siamo un’azienda a tutto tondo e offriamo diversi strumenti di shopping e pagamento».

La shopping app - che oggi è utilizzata da 23 milioni di utenti Klarna nel mondo - si inserisce in questo percorso di crescita, andando a plasmare un’esperienza di shopping personalizzata (si possono salvare brand o prodotti preferiti, magari in attesa di sconti o riduzioni di prezzo,, e aderire a un bonus club) e anche consapevole, visto che monitora anche le emissioni di Co2 di ogni acquisto.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti