i trend nel mondo

Knight Frank rivoluziona le previsioni: Vienna e Lisbona vincono sul Covid

Le due città, con Monaco e Shanghai, sono gli unici mercati residenziali di lusso che vedranno salire i prezzi. Dall’estero torneranno gli investimenti nelle seconde case in Italia

di Nicol Degli Innocenti

default onloading pic
(Marco Saracco - stock.adobe.com)

Le due città, con Monaco e Shanghai, sono gli unici mercati residenziali di lusso che vedranno salire i prezzi. Dall’estero torneranno gli investimenti nelle seconde case in Italia


3' di lettura

Un brusco rallentamento quest’anno e una ripresa nel 2021, pronunciata in alcuni mercati: queste in sintesi le previsioni degli esperti di Knight Frank sul mercato residenziale globale. Londra e Lisbona si profilano già come le città vincenti della fase post-coronavirus. «L’epidemia è diventata il tema dominante, i mercati sono in stallo, è difficile reperire dati e l’unica certezza è l’incertezza» ha detto in un webinar ieri Liam Bailey, responsabile della ricerca globale di Knight Frank.

All’inizio dell’anno KF aveva fatto previsioni ottimistiche sulla crescita del mercato prime in città come Parigi, Miami, Berlino e Ginevra, ma da allora tutto è cambiato.
Nonostante le difficoltà di fare previsioni in un contesto in rapida evoluzione, la ricerca indica che la differenziazione tra città sarà già visibile quest’anno e saranno premiati i mercati che hanno meglio gestito l’epidemia, o che hanno carenze croniche di offerta a fronte di una domanda che resta elevata.

«Lisbona, Monaco, Vienna e Shanghai sono gli unici grandi mercati residenziali di lusso che vedranno un aumento dei prezzi già nella seconda metà del 2020, mentre gran parte dei mercati globali subiranno l’impatto negativo di Covid-19» ha spiegato Kate Everett-Allen, responsabile della ricerca residenziale internazionale di KF.
Le altre sedici delle venti città studiate da KF invece registeranno cali dei prezzi che in alcuni casi, come Singapore e Hong Kong, saranno superiori al 5 per cento.
La ripresa arriverà il prossimo anno ma con grandi differenze tra diversi mercati, ha sottolineato Everett-Allen: «Londra e Lisbona sono nettamente in testa con previsioni di crescita superiori al 5%, e altri mercati europei come Berlino, Ginevra, Vienna e Madrid si difenderanno bene con aumenti dei prezzi tra l’1 e il 4,9 per cento».

Londra, storicamente considerata un rifugio dagli investitori internazionali, tornerà alla ribalta grazie alla fine dell’incertezza su Brexit e, secondo Knight Frank, ci sarà una rapida risalita dei prezzi l’anno prossimo dopo un calo che anche del 25% negli ultimi cinque anni.
Lisbona invece trarrà beneficio da un responso deciso e positivo all’emergenza virus, da un’offerta limitata di immobili prime e da una domanda in crescita grazie alle iniziative del Governo per attrarre i residenti stranieri.

«In tutta Europa gli investitori locali domineranno il mercato, mentre gli investitori stranieri saranno in una posizione attendista per altri 6-9 mesi - ha detto Everett-Allen -. Date le limitazioni ai voli, prevediamo che la scelta cada su luoghi raggiungibili in auto o treno. Francesi, tedeschi e olandesi, ad esempio, potrebbero optare per la Provenza, che infatti sta già registrando un aumento di richieste».

Il mercato delle seconde case tornerà a essere forte anche in alcune zone dell’Italia, in linea con il trend verso il benessere, l’aria pulita e la natura incontaminata. «La stima dell’Fmi per l’Italia è di un calo del 7,9% del Pil quest’anno, ma con un rilancio a +3,9% l’anno prossimo, quindi noi prevediamo che una volta che le restrizioni alla mobilità saranno allentate, gli acquirenti di seconde case torneranno nei luoghi più attraenti del Paese - ha spiegato Everett-Allen – Ci potrebbe essere un maggiore interesse per zone come i laghi e le Alpi, dato che gli investitori saranno attratti da luoghi che promuovono il benessere e il tempo in famiglia».
Ad attrarre gli acquirenti stranieri saranno anche i prezzi, che si prevede scenderanno nella seconda metà di quest’anno, oltre ai bassi tassi d’interesse e alla flat tax che, secondo KF, è «una prospettiva allettante per gli investitori globali ad alto reddito».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti