austria controcorrente

Kurz, il cancelliere “sovranista” che azzera il deficit

di Alb.Ma.


Migranti, Kurz: obiettivo non fare neanche partire le navi

3' di lettura

Mentre il governo gialloverde litiga con Bruxelles sui propri conti pubblici, c’è un esecutivo “sovranista” che va in direzione opposta. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, considerato uno tra i leader più vicini all’asse di destra dell’Europa dell’Est, ha annunciato che Vienna presenterà alla Commissione europea una bozza di bilancio 2018-2019 con un deficit pari allo zero per cento.

È la prima volta in assoluto dal 1995, l’anno di adesione di Vienna all’allora comunità europea. In parallelo il rapporto debito pubblico-Pil, secondo pilastro dei parametri di Maastricht, è dato in discesa dal 78,3% del 2017 al 74,2% del 2018, per calare ulteriormente al 70,5% nel 2019. La notizia arriva direttamente dall’account Twitter di Kurz, in un post dove il cancelliere spiega che l’allontamento «dalla politica del debito sta dando i suoi frutti. Risparmiamo e, al tempo stesso, possiamo permetterci misure come il bonus alle famiglie o l’aumento delle pensioni». Quando parla di «risparmio», Kurz allude ai tagli operati in alcuni settori del budget pubblico - come le spese per i richiedenti asilo e la Pa - in favore di investimenti su difesa, istruzione e, appunto, l’accoppiata bonus famigliari-previdenza.

Kurz, il populista «moderato» che rispetta l’Europa
L’elezione di Kurz, il primo ministro più giovane al mondo (32 anni compiuti ad agosto), era stata salutata come una vittoria della destra populista in un paese chiave per i rapporti con la Germania e il cosiddetto blocco di Visegrad. In effetti il cancelliere ha giocato buona parte della sua campagna elettorale sulla retorica anti-immigrazione e fa tutt’ora da ponte con i paesi dell’Est capeggiati dall’Ungheria di Viktor Orbán, alleato ideale nel contrasto a un meccanismo di quote che sarebbe stato istituito dalla riforma - fallita - del regolamento di Dublino . Salvo qualche steccata occasionale a Bruxelles, però, il cancelliere non ha mai sposato una linea euroscettica né, tantomeno, di insofferenza verso la moneta unica.

Il suo Österreichische Volkspartei, il partito popolare austriaco, è affiliato alla famiglia europea del Ppe e si è anche smarcato occasionalmente dalle posizioni di Visegrad (ad esempio votando a favore dell’articolo 7 contro l’Ungheria , una procedura di infrazione approvata dall’Europarlamento per le violazioni dei principi europei commesse da Orban). Un atteggiamento che si rispecchia anche nelle scelte di politica economica, abbastanza ortodosse rispetto alla linea dei Popolari e del suo inevitabile paese di riferimento, la Germania. Kurz, annunciando il traguardo del deficit a zero, ha rivendicato la bontà di una politica incentrata sull’alleggerimento del debito e sul risparmio nella spesa pubblica.

Via cinque punti di deficit in un decennio
Se si dovesse arrivare davvero a un deficit pari allo zero per cento del Pil, l’Austria metterebbe a segno una riduzione di oltre cinque punti percentuali rispetto al 5,4% toccato nel 2009. Oggi la disoccupazione viaggia al 6,9% a settembre 2018, in calo rispetto al picco negativo del 2016 (10%) ma ancora sopra gli standard del 4,95% registrati fra il 1960 e il 2018 (dati Tradingeconomics). Il tragitto verso il nulldefizit, il deficit a zero, è iniziato in realtà durante gli anni della grande coalizione fra socialdemocratici e popolari, rimasta al governo in maniera quasi ininterrotta negli ultimi decenni. Lo stesso vale per il debito pubblico, salito fino a picchi dell’84,4% nel 2014 e disceso da allora fino al 74,2% stimato per l’anno in corso.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...