TEST RIDE

Kymco Agility + 300i, come va il nuovo scooter medio taiwanese

Con la crescita della cilindrata, il ruote alte di Kymco esce dalla città e affronta tangenziali e autostrade. Confermate le doti che ne hanno decretato il successo: maneggevolezza e capacità di carico

di Gianluigi Guiotto

default onloading pic

Con la crescita della cilindrata, il ruote alte di Kymco esce dalla città e affronta tangenziali e autostrade. Confermate le doti che ne hanno decretato il successo: maneggevolezza e capacità di carico


3' di lettura

Uno dei segmenti più interessanti per il mercato degli scooter è senza dubbio quello dei medi: cilindrata intorno ai 300 cc, peso sotto i 200 kg, capacità di carico sono i plus richiesti dagli utenti, che si aggiungono alla facilità di guida e alla protezione dagli agenti atmosferici, vantaggi tipici di ogni scooter. Per contrastare il dominio dell'Honda Sh300i, da anni stabilmente sul podio dei più venduti, Kymco ha lanciato l'Agility 300i, che affianca i modelli già esistenti con cilindrata più piccola (50, 125 e 200 cc).

In sella. La dotazione dell'Agility maggiore è ricca: comprende la smart key, che consente di avviare lo scooter e accedere al vano sottosella agendo sulla manopola nel retroscudo e tenendo la chiave in tasca. Inoltre, sono di serie il parabrezza con i paramani (molto utili con il freddo invernale) e il sistema Noodoe che consente di collegare lo smartphone allo scooter e visualizzare sul cruscotto il navigatore satellitare sviluppato dalla Casa taiwanese insieme con TomTom. La posizione in sella è quella tipica dei ruota alta (il cerchio anteriore è da 16 pollici, mentre il posteriore è da 14”): si sta seduti abbastanza in alto (80 cm da terra) e non è possibile allungare le gambe. In questo caso la protezione dello scudo non è molta: il design ha richiesto un armonico taglio delle linee che lascia però scoperte parte delle gambe e non lascia molto spazio ai piedi. A spingere il nuovo Agility è il collaudato monocilindrico da 276 cc raffreddato a liquido, capace di erogare 23,1 cv a 8mila giri, già visto su altri modelli della Casa. Il sottosella è capiente e abbastanza regolare: entrano due caschi integrali e altri piccoli oggetti. Completa la capacità di carico il piccolo vano nel retroscudo, che non ha però una presa Usb (c'è solo nel sottosella). E c'è ovviamente la pedana da sfruttare grazie anche al gancio, presente sulla punta della sella, cui fissare una borsa.

Su strada. Per avviare l'Agility 300 bisogna premere prima il pulsante di avviamento che sblocca la manopola, poi girare ques'ultima e, infine, premere di nuovo il pulsante (in altri modelli la manopola si sblocca da sola quando si avvicina la chiave). La sella è comoda, cedevole ma non troppo molle, con una generosa porzione per il passeggero che siede un po' più in alto del pilota. In città, l'Agility 300 è, come i fratelli minori, molto a suo agio: si manovra su un fazzoletto, e senza fatica, grazie al manubrio largo; lo spunto è più che buono, e ci trova spesso a sfruttare a fondo i due dischi dell'impianto frenante (300 mm davanti, 240 mm dietro) che svolgono bene il loro compito e non richiedono un'eccessivo sforzo alla leva. In curva, il nostro Kymco è solido, grazie alla ciclistica a punto che conta su un telaio a traliccio in tubi di acciaio e piastre stampate, con un rinforzo in corrispondenza del cannotto di sterzo.

Questo accorgimento, insieme alla forcella idraulica con escursione di 110 mm, consente di affrontare tombini e buche con relativa serenità. Quando fa buio, si può contare sul sistema d'illuminazione full led, efficace e originale nel disegno. Uscendo dalla città, sulle statali si viaggia molto comodi, abbastanza protetti dal parabrezza (solo i più alti sentiranno un po' di aria intorno al casco); in autostrada, a 130 km/h, emerge qualche piccolo limite: il motore gira a un regime prossimo al massimo; ne risentono comfort (qualche piccola vibrazione) e consumi. Tanto che, se nell'extraurbano è facile superare i 30 km/l, in autostrada si viaggia intorno ai 16-17 km/l; a ogni modo con i 13 litri del serbatoio gli intervalli tra un benzinaio e l'altro non scendono mai sotto i 200 km. Infine, il Noodoe mostra chiamate e messaggi in arrivo sul display digitale della strumentazione; inoltre, è possibile visualizzare anche il navigatore, che offre indicazioni “intelligenti”: a scooter fermo mostra il tragitto da percorrere, mentre in movimento le indicazioni sono contenute e non distraggono dalla guida. Infine, è possibile spostarsi tra le indicazioni (mappa, tempo e km mancanti all'arrivo) azionando il pulsante sul blocchetto destro, senza staccare le mani dal manubrio. Per chi deve infilare diversi appuntamenti di fila in luoghi diversi, il Noodoe può gestire fino a cinque destinazioni consecutive alla volta.

Prezzo e garanzie. Il Kymco Agility 300i è offerto in due colorazioni (antracite opaco e grigio Dossena) a 4.650 euro; tra gli accessori troviamo il parabrezza maggiorato e il bauletto in tinta da 47 litri. Ottima la garanzia, la Kymco 5Pro: 5 anni a chilometraggio illimitato. E per il primo anno c'è anche la polizza Kymco Care, per il rientro del mezzo in caso di avaria.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti