ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCreativi

L’agenzia delle celebrity e dei grandi marchi ora progetta l’academy

di Giampaolo Colletti

Per il real estate di Sotheby’s l’agenzia ha curato la campagna per il rilancio del mercato immobiliare newyorkese, colpito dalla pandemia

3' di lettura

Oltre le grandi aree metropolitane. Nel mondo iperconnesso le buone idee corrono veloce, i talenti hanno una distribuzione diffusa e le filiere diventano reticolari, connesse, scalabili. Così oggi il marketing trova casa anche a Seregno, meno di cinquantamila anime nella bassa Brianza. Qui nasce quattordici anni fa un’azienda che ha saputo scalare mercati e fatturato.

Benvenuti in Blossom, agenzia creativa fondata dai due fratelli Giacomo e Valentina Frigerio e impegnata a portare avanti progetti di branding e comunicazione digitale omnicanale. Radici sul territorio e sguardo internazionale: lo scorso anno sono state aperte due nuove sedi a Madrid e a Ginevra. Il team è un melting pot di professionisti: 66 persone e per più della metà donne. In squadra social media planner, illustratori, sound designer, interior designer. Il fatturato si attesta sui 5 milioni di euro e con un portfolio di 89 clienti, per più della metà internazionali. «Abbiamo un forte legame con la comunità territoriale, ma guardiamo a tutti i mercati. Il nostro team include molti talenti del territorio attratti dal nostro purpose “We fight for beauty, to make the world a better place”. La sfida ambiziosa è rendere il mondo un posto migliore: la lotta per un bello che migliora la vita si traduce in un’attenzione al valore che ogni singolo collaboratore rappresenta nell’intera filiera», afferma Giacomo Frigerio, Ceo e co-founder di Blossom. Presidiare il mondo digitale, ma dare il massimo per quello reale e nel quale si lavora giorno dopo giorno, campagna dopo campagna.

Loading...

Così l’agenzia è dotata di ristorante, palestra e psicologo-allenatore di boxe per allenare la mente oltre che il corpo. «Uno dei nostri primi clienti è stata l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha indetto un bando al quale abbiamo partecipato e che abbiamo vinto. Questa opportunità ci ha portato a lavorare per varie campagne delle Nazioni Unite. È fondamentale credere nelle proprie ambizioni: volevamo aprirci ad altri mercati come quello ispanofono. Continuando a reinvestire in azienda gli utili prodotti siamo riusciti ad aprire una seconda sede a Madrid», precisa Frigerio. Oggi l’azienda lavora con Onu, Unhcr, Unicef e porta avanti progetti con brand del made in Italy come Campari, Poliform, Ducati o campagne di marketing per Bologna Football Club e Genoa Cricket and Football Club. «Per il real estate di Sotheby’s abbiamo curato la campagna per il rilancio del mercato immobiliare newyorkese, colpito dalla pandemia: in tempo di lockdown abbiamo sviluppato direttamente da Seregno una campagna OOH, dedicata ai grandi schermi e alle mega-proiezioni esterne agli edifici. Siamo anche andati sui canali digitali e sul network tv Hulu. La campagna è stata incentrata sulla valorizzazione della bellezza quotidiana di New York lontana dai luoghi comuni», ricorda Frigerio. Ma c’è anche un taglio sociale a queste iniziative di comunicazione che affrontano le sfide contemporanee della comunità. «Per sensibilizzare il mondo della politica verso il Global Partnership for Education della Banca Mondiale, fondo globale per l’istruzione nei Paesi a basso reddito, abbiamo sviluppato una strategia di comunicazione coinvolgendo anche celebrity come Michelle Obama o Didier Drogba e abbiamo creato una sfida sui social media, scrivendo una canzone con Youssou N’Dour. Il risultato raggiunto è stato incredibile: in soli nove mesi sono stati raccolti 4 miliardi di dollari», dice con orgoglio Frigerio. Le sfide future guardano alla formazione dei professionisti. Così l’agenzia brianzola lavora ad un nuovo progetto: la Blossom School. «Si tratta di una scuola di comunicazione dentro l’agenzia perché desideriamo che i giovani studenti imparino vedendo i nostri talenti in azione e vivendo il clima e il metodo di lavoro che ci distingue», conclude Frigerio. In fondo il futuro del marketing si costruisce anche nel gioco di squadra tra le generazioni di professionisti in campo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti