dopo il virus

L’alleanza di Randstad, Manpower e Adecco per il ritorno al lavoro in sicurezza

Progetto pilota su cinque settori in dieci Paesi, tra cui l’Italia

default onloading pic
(EPA)

Progetto pilota su cinque settori in dieci Paesi, tra cui l’Italia


2' di lettura

Randstad , Adecco e Manpower, le tre più grandi società di servizi per il lavoro e le risorse umane, annunciano un’alleanza a livello mondiale per favorire il rientro a lavoro in sicurezza. Le tre multinazionali opereranno congiuntamente offrendo i loro servizi gratuitamente nelle fasi che seguiranno il lockdown che riguarda 2,7 miliardi di lavoratori nel mondo, circa l'80% della forza lavoro globale.

Cinque i settori nei quali l'alleanza sarà operativa nella fase iniziale: trasporti & logistica, automotive, manufacturing & life science, costruzioni e food). Dieci i paesi: Belgio, Francia, Germania, Italia, Giappone, Olanda, Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

Le tre società supporteranno enti pubblici e privati nell'organizzazione e attivazione di procedure già esistenti, rendendole applicabili su scala globale. Inoltre si impegneranno nella promozione e condivisione delle buone prassi e aiuteranno i lavoratori a affrontare il rientro sul posto di lavoro.

«È necessario far ripartire il lavoro tutelando la salute delle persone. Nel settore pubblico, privato e nel terzo settore con questa alleanza aiuteremo imprese e lavoratori in primo luogo nella definizione di regolamenti, protocolli e procedure per il rientro in sicurezza», spiega Marco Ceresa, ad di Randstad Italia. «Inoltre, proporremo formazione e supporto psicologico alle persone perché possano tornare al lavoro con la modalità più idonea, sia questa lo smart working o la presenza con spazi e procedure riorganizzate».

Per Riccardo Barberis, amministratore delegato di ManpowerGroup Italia, «oggi per le aziende tornare a lavorare in piena sicurezza adattandosi ad una nuova realtà all'insegna del distanziamento sociale, è l'unica strada per riuscire a ripartire, limitando l'impatto della crisi. Questa alleanza - spiega l’Ad - potrà creare valore, contribuendo ad accompagnare aziende e Istituzioni in un graduale e sicuro ritorno alla quotidianità. Il ruolo di chi, come noi, è in prima linea a supportare le aziende nella gestione delle risorse umane e ha una profonda conoscenza del mercato del lavoro è infatti di fondamentale importanza per mitigare gli impatti occupazionali dettati dall'emergenza e consentire una ripartenza in salute e sicurezza».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti