Napoli, rione luzzatti

L’«amica geniale» diventa street art con Lila e Lenù

di Redazione Domenica


default onloading pic
L'inaugurazione nel rione Luzzatti a Napoli , quartiere dove è ambientata «L'amica geniale», dell'opera di Street Art di Eduardo Castaldo ispirata al romanzo di Elena Ferrante. Presenti alla cerimonia, con il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, Elisa Del Genio (a sinistra) e Ludovica Nasti, rispettivamente Lenù e Lila nella versione televisiva. (ANSA / CIRO FUSCO)

2' di lettura


Arrivano dall’America, dai paesi Scandinavi, dalla Germania e naturalmente anche dall’Italia per vedere i luoghi de L'amica geniale , il romanzo poi diventato fiction di Elena Ferrante. E da oggi ad accogliere gli appassionati, nel cuore del Rione Luzzatti, periferia est di Napoli, ci sarà anche un’opera di street art sulla facciata della biblioteca comunale.

Così sul muro di una biblioteca che 70 anni fa nacque grazie alla volontà del professor Agostino Collina per offrire uno spazio di cultura ai tanti ragazzi del quartiere che non potevano andare a scuola, ci sono le “figure” di Lila e Lenù, le
giovani protagoniste della fiction
, vale a dire le attrici Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio, che oggi hanno preso parte all’inaugurazione. L'opera è stata realizzata da Eduardo Castaldo, anche fotografo di scena della fiction, e non ha dimenticato la maestra delle bimbe come lo stesso professor Collina.

Un particolare del murales de «L'amica geniale», l'opera di Street Art di Eduardo Castaldo ispirata al romanzo di Elena Ferrante. (ANSA / CIRO FUSCO)

La prima opera di street art nel rione dedicata all'opera della Ferrante ma non l'ultima, annuncia il presidente della IV Municipalità del Comune di Napoli, Giampiero Perrella. «Ce ne saranno altri di murales per favorire dal basso la
partecipazione - spiega - tra marzo e aprile ne sarà inaugurato un altro nel piazzale Lobianco immaginato dai ragazzi delle scuole medie del rione. In questo quartiere noto per fatti negativi, grazie a L'amica geniale arrivano anche i turisti e grazie a questi murales potranno riconoscere i luoghi simbolo
della fiction».

Un modo, sottolinea il governatore della Campania, per «trasmettere un messaggio molto semplice e cioè che in ogni quartiere ci sono tante straordinarie energie positive che dobbiamo fare di tutto per far prevalere». La Regione Campania, rappresentata oggi anche dagli assessori all'Istruzione, Lucia Fortini, e alla Sicurezza, Franco Roberti, ha anche donato dei libri alla biblioteca. «E' la cultura - ha aggiunto De Luca - lo strumento più forte per combattere la violenza e la degenerazione. Significa dare ai nostri giovani strumenti per affrontare la vita».

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...