Storia del nuovo cognome

L’amica geniale: miglior risultato degli ultimi dieci anni

di Cristina Battocletti


default onloading pic
La«Storia del nuovo cognome»

2' di lettura

«Il miglior risultato per una fiction nella stagione autunnale degli ultimi dieci anni», spiega Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction, al Sole 24 Ore all’indomani dei risultati sullo share dell’Amica geniale, la serie tivù diretta da Saverio Costanzo, tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante, di cui ieri sera sono stati trasmessi gli ultimi due capitoli. Le puntate di ieri hanno raccolto su Rai 1 6.804.000 spettatori con uno share vicino al 30 % . La copertura totale è stata di 22 milioni di italiani, pari al 37% della popolazione; la media complessiva nelle quattro serate è stata di 7 milioni di telespettatori, confermando uno share del 30%.

Eleonora Andreatta

«In particolare - continua Andreatta - l’Amica geniale ha rivelato punte d’ascolto straordinarie tra i giovani e i laureati, riunendo davanti alla televisione un pubblico variegato ed eterogeneo e portando il pubblico generalista a un piano più alto». La serata di ieri ha toccato picchi del 39,8% nel totale individui, del 45,1% tra i laureati, del 43% tra le ragazze 15-24.

La storia di Lila e Lenù, Elena Greco e di Raffaella Cerullo, interpretate da Elisa Del Genio e Ludovica Nasti, da bambine, e da Margherita Mazzucco e Gaia Girace, da adolescenti, ha conquistato, secondo il direttore di Rai Fiction, anche perché è una «storia di emancipazione e di intimità nel rapporto di amicizia tra due donne ed è lo specchio di quello che è accaduto nel Paese dagli anni Cinquanta in poi. Si tratta delle radici del nostro presente ed è stata una scommessa notevole portare un romanzo popolare di grande qualità a un pubblico vasto come quello di Rai 1».


La serie - di cui Elena Ferrante firma soggetto e sceneggiatura con Francesco Piccolo, Laura Paolucci e Saverio Costanzo ed è prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e da Domenico Procacci per Fandango, in collaborazione con Rai Fiction, Hbo e Timvision- avrà una seconda stagione che narrerà le vicende di Lenù e Lila negli anni Sessanta. «Assieme a Hbo abbiamo confermato l’adattamento al secondo romanzo “Storia del nuovo cognome” che è in fase di scrittura con lo stesso gruppo artistico».

È ancora prematuro programmare una data di messa in onda: «Essendo coproduttori ognuno segue la programmazione migliore. Sarebbe bello trovare una data comune».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...