L’iniziativa

L’Aquila per tre giorni vetrina dei vini rosati

Il capoluogo abruzzese ospita la Food & Rosé Selection, prima edizione della nuova manifestazione dedicata ai migliori abbinamenti cibo-vino

di G.d.O.

(foto Ansa)

2' di lettura

Ha preso il via oggi, 4 giugno, a L'Aquila la Food & Rosé Selection, prima edizione della nuova manifestazione organizzata dal Concours Mondial de Bruxelles e Regione Abruzzo e dedicata ai migliori abbinamenti cibo-vino. Ma non con un vino qualsiasi ma esclusivamente con vini rosati. Un vino che sta conoscendo una grande affermazione a livello mondiale sia nella tipologia ferma che in quella spumante (tanto da aver indotto il Prosecco Doc, il principale spumante italiano per volumi prodotti, a introdurre due anni fa la categoria rosè modificando il disciplinare di produzione). Un trend trainato dal mercato Usa ma che si sta ormai diffondendo anche in altre aree del mondo.

Una kermesse per scoprire i vini rosati

Da oggi quindi e fino a domenica 45 degustatori internazionali passeranno in rassegna 120 etichette di vini rosati provenienti da Austria, Belgio, Bulgaria, Spagna, Francia, Grecia, Portogallo, Moldavia, Romania, Slovacchia e ovviamente Italia. Location della prima edizione di questo concorso L'Aquila e la regione Abruzzo una delle “patrie” del rosato italiano visto che da queste parti è diffusissimo il Cerasuolo, vino rosato da uve Montepulciano, il vitigno principe d'Abruzzo e che dopo anni di confinamento all'interno della sua area d'origine, sta cominciando a farsi conoscere anche nei ristoranti di varie zone d'Italia.

Loading...

Alla ricerca dei migliori abbinamenti con il cibo

Sono otto le categorie in cui è articolato il concorso che andrà a premiare i vini rosati che meglio si esprimono in abbinamento con differenti pietanze (aperitivo, pesce crudo, pesce cotto, salumi, carni cotte, cibi piccanti, formaggi e dessert). Le degustazioni avverranno in abbinamento con piatti e specialità realizzati con i prodotti rappresentativi dell'Abruzzo dalle specialità di mare a quelle di origine contadina e legate alla pratica della transumanza.Le sessioni di degustazioni saranno poi completate da alcuni incontri su temi chiave del drink pink dalla tavola rotonda sui rosati italiani da uve autoctone ai seminari sulle tecniche produttive e alle nuove frontiere del packaging.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti