ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùcorsa ai beni rifugio

L’argento vola oltre 18 dollari, oro vicino ai massimi

di Sissi Bellomo

default onloading pic
(Afp)


1' di lettura

L’allarme recessione è tornato a scuotere i mercati,affondando il rendimento dei titoli di Stato statunitensi e riaccendendo il rally di oro e argento. Quest’ultimo in particolare ha rotto un’importante resistenza tecnica, per volare di oltre il 3% e superare la soglia dei 18 dollari l’oncia, spingendosi fino a 18,20 $, un record da settembre 2017.

L’oro ha invece registrato un rialzo superiore all’1%, sfiorando quota 1.545 $/oncia sul mercato spot londinese, non lontano dal massimo da sei anni raggiunto lunedì (1.554,56 $).

Lo strappo è avvenuto dopo l’accentuarsi dell’inversione della curva dei rendimenti dei Treasuries, un indicatore che segnala il probabile arrivo di una recessione: il decennale è crollato sotto l’1,5% e lo spread a vantaggio della scadenza a due anni si è ampliato fino a 5,16 basis points, un record dal 2007.

L’andamento dei bond ha fatto invertire la tendenza anche ai listini azionari a Wall Street, spingendoli in terreno negativo.

Oltre alla guerra dei dazi, pesano i dati poco incoraggianti sull’economia Usa: ad agosto la fiducia dei consumatori è diminuita, mentre la crescita dei prezzi di nuovi immobili è stata la più bassa da 7 anni.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti