osservatorio eCommerce B2c

L’e-commerce italiano trainato dalla crescita di moda, design e beauty

Aumentano a doppia cifra le vendite dei segmenti del “bello e ben fatto”, anche grazie al miglioramento di servizi al cliente e logistica. Ma la sfida ora è espandersi anche all’estero


default onloading pic

2' di lettura

Crescono i consumi a giugno, guida lo shopping on line

Crescita a doppia cifra per le vendite online dei prodotti del “bello e ben fatto” made in Italy: l’abbigliamento è salito del 16% a quasi 3,3 miliardi di euro, confermandosi uno dei settori più maturi dell’e-commerce italiano; arredamento e home living aumentano del 26% con un valore di 1,7 miliardi di euro e il segmento beauty cresce del 24% per arrivare a sfiorare un giro d’affari di 560 milioni di euro, cifre che li eleggono a due dei comparti più vivaci delle vendite online in Italia. Tuttavia, anche se costituiscono una componente rilevante nella spesa degli italiani, la penetrazione sul totale delle vendite di questi settori resta ancora al di sotto del 10%.

I dati emergono dall’ Osservatorio eCommerce B2c , giunto alla diciannovesima edizione e promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, presentato a Milano in occasione del convegno “Fashion, Design and Beauty online: strategie, numeri e modelli operativi”.

«La chiave della competitività per le aziende del Fashion, Arredamento e Home living che operano nel commercio digitale sta nel rendere sempre più personalizzata l’esperienza di acquisto dei consumatori - commenta Roberto Liscia, presidente di Netcomm -. Le tecnologie stanno già ridisegnando tutta la filiera dell'industria di questi comparti. Le analisi predittive, grazie all’intelligenza artificiale, consentono di mantenere una relazione con il cliente anche dopo l'acquisto, proponendo un'offerta sempre più personalizzata, così come anche grazie a chatbot e assistenti virtuali, in grado di migliorare costantemente l'assistenza al cliente».

Sono infatti le innovazioni soprattutto sul lato dei servizi la chiave dello sviluppo ulteriore di questo canale di vendita: tra le più importanti dal lato del cliente ci sono lo sviluppo del social commerce, con la creazione di shoppable content e della realtà aumentata, l’abilitazione della ricerca vocale o per immagini per facilitare l'identificazione del prodotto, l'utilizzo di big data, machine learning e intelligenza artificiale per personalizzare prodotti e percorso dell'utente.

Per quanto riguarda la gestione dello shopping, l’innovazione passa dal miglioramento della procedura di reso, dall’offerta di opzioni di consegna in diversi luoghi e dallo sviluppo di servizi speciali, come l’assistenza allo sdoganamento per abbigliamento e beauty e la consegna con montaggio e installazione per l’arredamento & home living.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...