bilancio in controluce

L’economia globale spiegata con la «Rustichella» di Autogrill

di Simone Filippetti

default onloading pic


3' di lettura

Per capire come va l’economia non guardate al Pil, ma fate attenzione alla «Rustichella». Per sondare i consumi, vero termometro di un Paese, inutile scartabellare grafici e statistiche; meglio guardare cosa mangiano i passeggeri degli aeroporti. A scorrere il bilancio di Autogrill, colosso mondiale della ristorazione da Los Angeles a Shanghai, si vede uno spaccato di economia reale: la geografia mondiale dei panini racconta meglio di tanti report di analisti lo stato di salute di stati e nazioni.

L’azienda italiana negli ultimi 20 anni, da quando cioè la famiglia Benetton (sì, quelli dei maglioni) l’ha comprata dallo Stato e affidata nelle mani di GianMario Tondato, uomo di poca mondanità, di ancor meno parole ma di tanti fatti, è diventata una multinazionale del largo consumo: fa ristorazione in giro per il mondo, negli aeroporti, nelle autostrade e nelle stazioni ferroviarie. Ossia tre luoghi strategici da dove osservare i movimenti delle persone, i loro consumi e di conseguenza i trend dell’economia reale. Con 4,6 miliardi di giro d’affari tutti ricavati dalla ristorazione in 31 Paesi del mondo, massima espressione di «largo consumo», il gruppo italiano è una delle migliori cartine di tornasole macroeconomiche.

La prima conferma è che l’economia mondiale nel 2017 è ripartita: Autogrill ha incassato il 2,9% in più dell’anno prima. Economisti e statistiche dicono che il Pil mondiale è salito del 3,6% nel 2017. La gente che viaggia, 4 miliardi di persone ogni anno quasi quanto tutta la popolazione mondiale, ha speso di più dell’anno prima, segnale di una ripresa, ma meno di quel che dicono i numeri astratti.

Ma come tutte le multinazionali, il numero sui ricavi è una somma algebrica di diversi Paesi e diversi andamenti: è lo spacchettamento dei numeri a essere rivelatore.

MAPPA DEI RICAVI DI AUTOGRILL

I consumi nel mondo visti da Autogrill. Dati in milioni di euro (* dati in milioni di dollari)

MAPPA DEI RICAVI DI AUTOGRILL

America e Asia sono i due continenti che trainano la ripresa globale: salgono i ricavi, effetto di più consumi o di una maggiore capacità di spessa. La cara vecchia Europa, invece, ha il fiato corto: l’Italia, e i Paesi del Sud Europa (Grecia, Spagna), sono nella palude. I famigerati «Piigs» faticano a ritrovare la strada della crescita economica.

Negli Stati Uniti, ormai il primo mercato per Autogrill (da soli generano 2,4 miliardi di ricavi, il 60% del totale), è cresciuta del 3,8%,: conferma del boom economico della Trumpeconomics. Una mano ad Autogrill, a onor del vero, l’hanno data nuove aperture di ristoranti, dentro gli aeroporti di Chicago e Charlotte (nel North Carolina) . L’andamento dell’Asia è lo specchio puntuale dell’ininterrotto boom della Cina: per Autogrill è la zona del mondo a più forte crescita, spinta anche dal «jolly» dell’inaugurazione di Bistrot, il nuovo marchio di casa Benetton, a Shanghai, hub mondiale di passeggeri.

Alla ritrovata crescita globale, fa da contraltare un Vecchio Continente a luci e ombre: un Nord Europa robusto per Autogrill (anche qui sorretto da nuovi locali in Olanda, Finlandia e Norvegia); un Sud Europa con ricavi in calo (-3,7%) , dove gli occhi sono puntati sull’Italia, reduce dalla recessione ed «eterno malato» di bassa crescita. Fotografia perfetta di un continente che, stretto tra l’economia low cost cino-asiatica e il dominio tecno-militare degli Usa, langue da un decennio. A essere precisi in Italia, dove Autogrill ha accusato un calo dell’1,2%, il segno meno è frutto di chiusure di numerosi ristoranti in autostrada (a parità di locali, si registra un +1%) . Ma anche le chiusure e le aperture, pianificate in base all’andamento dei consumi, sono un segnale indiretto: banalmente, in un paese dove i consumi salgono difficilmente si riduce la presenza, anzi semmai si aumenta.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...