Architettura & design

L’edificio datato e dimesso si trasforma in una villa moderna

La sfida per i professionisti della community di architetti è stata quella di fornire soluzioni innovative e contemporanee a una residenza monofamiliare di tre piani, in un edificio un po’ vecchio

di Stefano Maffei*

default onloading pic

2' di lettura

Ci sono molte soluzioni che consentono a una costruzione che ha diversi anni di riqualificarsi come abitazione in stile contemporaneo.
Una famiglia di Lecco ha deciso di rivolgersi a GoPillar, la community di architetti ed interior designer che permette a clienti privati di ricevere decine di progetti da professionisti di tutto il mondo iscritti alla piattaforma che si danno battaglia per vincere i premi messi in palio per i migliori progetti.

La richiesta consisteva in una ristrutturazione di un vecchio edificio da rendere una villa moderna. La struttura in tre piani avrebbe dovuto avere un piano interrato (abitabilità da ottenere) con taverna con cucina (alla sinistra delle scale), locale caldaia, bagno e camera da letto (sulla destra appena si scendono le scale). Il piano rialzato doveva essere ristrutturato con un bagno di servizio e un ripostiglio ai due lati dell'ingresso e l'eliminazione del bagno tra cucina e salone (rendendo lo spazio un open space). Nel primo piano i lavori consistevano nella creazione di uno studio ed una cabina armadio al posto del ripostiglio. Andiamo ad analizzare tre dei 30 progetti ricevuti dal cliente.

Loading...

Il primo progetto

L’architetto Raffaele Pacillo ha deciso di rispettare al massimo le richieste del cliente, impressionando soprattutto per il suo progetto per il seminterrato. Spicca su tutte la qualità della taverna e la funzionalità della stessa. Il garage è stato mantenuto nella posizione originaria, con ogni locale disposto secondo le richieste del cliente. L’ambiente che si viene a formare è adatto per ogni evenienza, grazie all'abitabilità ottenuta.

Il secondo progetto

L'obiettivo principale dell’architetto Ghazal Khaksari è stato quello di sfruttare saggiamente tutto lo spazio a sua disposizione. Particolare attenzione, anche in questo caso, al seminterrato e alla sua taverna, progettata alla “americana” con sedie da bar e un muro con vini a vista. Lo spazio è completato con un tavolo da biliardo e all'occorrenza da una jacuzzi nel bagno. Lo spazio è completato dalla stanza per gli ospiti (con accesso al bagno), una lavanderia e un ripostiglio. Il piano rialzato è caratterizzato dalla creazione di un bagno nella camera patronale, oltre a quello richiesto all'ingresso. L’open space tra cucina e salone è creato grazie alla rimozione dei pilastri interni (soluzione ritenuta possibile dal cliente). Nel primo piano è stato aggiunto un altro bagno in camera ed è stato creato un terrazzo.

Il terzo progetto

Anche in questo caso l'architetto Damaride Tarantelli si è sbizzarrito nella progettazione del piano interrato. La taverna è stata adibita a sala da pranzo, con un grande tavolo ed un divano, posti ai lati del televisore a muro. I toni dell’ambiente sono caldi grazie all'uso massiccio del legno anche per la pavimentazione (parquet). Lo stile cambia completamente nel piano rialzato, con arredi e pavimenti più moderni ed incentrati su una accurata ricerca di stile. La sala è dominata da un lungo tavolo. L’open space è ottenuto con l’abbattimento dei pilastri e la cucina è stata pensata con una grande isola, molto funzionale per la famiglia. Nel piano superiore è stato ottenuto un piccolo terrazzo per la camera da letto.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati