le moto

L’Euro 5 spinge le casa a offrire nuovi modelli

Aprilia e Ducati puntano sulle sportive di nuova generazione. Bmw, Ktm e Triumph aggiornano la gamma Honda si concentra sulle piccole cilindrate e i maxiscooter, Kawasaki sull’elettronica, Yamaha sui modelli naked

di Federico Cociancich

default onloading pic

Aprilia e Ducati puntano sulle sportive di nuova generazione. Bmw, Ktm e Triumph aggiornano la gamma Honda si concentra sulle piccole cilindrate e i maxiscooter, Kawasaki sull’elettronica, Yamaha sui modelli naked


4' di lettura

Nonostante la pandemia il mercato delle due ruote gode di una sostanziale buona salute (ad agosto ha mostrato un + 42,44% rispetto al 2019, per poi flettere con il secondo lockdown con un mese di ottobre che segna un – 11,5%. Tengono le moto e ancora bene i ciclomotori, calo solo per gli scooter) e le Case sono pronte a investire in nuovi modelli e ritocchi per il 2021: comune denominatore per tutte la compatibilità con la classe di emissioni Euro 5.

Partendo dal nostro Paese, Aprilia punta sulla nuova RS 660, la moto che si può definire la prima sportiva stradale premium di media cilindrata, che grazie a versatilità, design e tecnologia strizza l’occhio sia ai giovani, sia a chi cerca una moto in grado di regalare piacere di guida ma senza gli eccessi di cavalleria tipici delle attuali sportive. Diverse le novità in casa Ducati, tra cui spicca la nuova Multistrada V4, la più eclettica delle moto della Casa di Borgo Panigale. La nuova Multistrada racchiude il concetto di “4 moto in una”, essendo adatta sia all’off road, sia alla strada, senza sfigurare in qualche giro in pista né a un aperitivo in città. Il cuore della Multistrada V4 è il rinnovato motore V4 Granturismo da 1.158 cc, leggero e compatto, coadiuvato da tanta elettronica: la nuova maxi enduro è la prima moto di produzione al mondo ad adottare un sistema radar e funzioni come il Cruise Control Adattivo e il Blind Spot Detection, in grado di rilevare i veicoli posizionati nell’angolo cieco di visuale. Altra novità interessante è rappresentata dalla nuova Nightshift appartenente alla famiglia Scrambler, la moto più venduta del marchio. È una moto che rimanda ad atmosfere notturne, con manubrio stretto e dritto, specchi Cafè Racer e tabelle porta numero in stile Full Throttle. Per quanto riguarda il mondo delle sportive e super sportive, Ducati ha in serbo per il prossimo anno la nuova sportiva stradale Supersport 950 e un nuovo componente della famiglia Panigale, la V4 SP, che vede il ritorno della sigla “SP” sulla carena di una supersportiva Ducati ad indicare la derivazione Sport Production, ovvero moto pensate espressamente per divertirsi in pista.

Loading...

Passando ai produttori europei, nel 2021 BMW si prepara a celebrare il 40esimo anniversario della GS con le nuove R1250 GS e R1250 GS Adventure, ma soprattutto con la R 1250 GS “Edition 40 years”, con un’esclusiva livrea nera e gialla come omaggio alla prima enduro della Casa tedesca, la R 100 GS. Gli amanti del mondo custom apprezzeranno invece la bellissima R18 Classic (da 25.500 euro), che grazie al grande parabrezza, alla sella per il passeggero (removibile), alle borse morbide e ai fari aggiuntivi a Led, mostra una vocazione più turistica rispetto alla First Edition presentata qualche mese fa.

Rimanendo in Europa, Ktm ha annunciato la 890 Adventure (da 14.000 euro), evoluzione della 790 Adventure, arrivata lo scorso anno e versione “base” delle versioni più aggressive R e Rally R. la nuova maxienduro è spinta dal motore LC8 parallelo frontemarcia da 899 cc in grado di erogare 105 cavalli e 100 Nm di coppia, pur rispettando la normativa Euro 5.

Grande novità anche in casa Triumph con la nuova Tiger 850 (da 11.400 euro), una crossover a vocazione stradale dal prezzo decisamente accessibile. Basata su un motore 3 cilindri dal set-up dedicato, su un interessante pacchetto elettronico e su un equipaggiamento base già sufficientemente completo, promette una guida divertente e confortevole in qualunque condizione e su qualunque terreno. Ancora più accessibile la nuova Trident 660 (da 8.000 euro), con un tre cilindri da 660 cc in grado di erogare 81 cv, e un telaio in tubi d’acciaio nonostante il peso di appena 189 kg.

Spostandoci verso il sol levante, Honda, all’inizio del 2021, sembra concentrarsi più sui mercati delle piccole cilindrate e sui maxiscooter, riservando agli appassionati di moto “solo” una rinnovata CB 1000 RR, ancora più nuda, e una nuova versione della NC 750 X, con un look più fresco e qualche novità tecnica. Kawasaki ha annunciato le nuove Versys 1000 S ed SE MY 2021 con aggiornamenti che riguardano l’elettronica, le sospensioni e la presenza di un nuovo allestimento. La nuova versione S si posiziona tra la SE (rinnovata) e la Standard, e sfrutta lo stesso motore quattro il linea da 1.043 cc (già Euro 5), così come lo stesso telaio, l’unico cambiamento riguarda le sospensioni, non più semi-attive ma completamente regolabili e a marchio Showa. La ricca versione SE ha invece nuove sospensioni elettroniche studiate per migliorare la tenuta di strada in qualunque situazione. Novità anche in casa Yamaha, che ha annunciato la nuova MT-09 SP (da 11.200 euro), definita “La Hyper Naked Yamaha per eccellenza” e la nuova MT-07 (da 9.500 euro), considerata la naked d’ingresso della Casa di Hamamatsu. La MT-09, con un motore e un telaio nuovissimi, oltre al nuovo design che mette in evidenza il suo aspetto aggressivo, promette pura eccitazione e tanto divertimento.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti