STATO DI DIRITTO

L’Europa avvia la procedura contro l’Ungheria di Orbán

di Beda Romano

L'Europarlamento vota contro l'Ungheria di Orban


2' di lettura

DAL NOSTRO INVIATO
STRASBURGO – Per la prima volta, il Parlamento europeo ha chiesto oggi l'attivazione dell'articolo 7 dei Trattati, ossia la norma da applicare ai paesi che violano lo stato di diritto. Imputata è l'Ungheria, guidata dal premier nazionalista Viktor Orbán. La scelta, avvenuta a larga maggioranza, è storica e ha messo in risalto le terribili spaccature tra i paesi dell'Unione europea e in parte anche all'interno degli stessi governi nazionali, a cominciare da quello italiano.

GUARDA IL VIDEO / L'Europarlamento vota contro l'Ungheria di Orban

Il voto, che ha avuto avuto luogo stamani a Strasburgo, è stato sorprendentemente chiaro. La relazione, in cui l'eurodeputata verde olandese Judith Sargentini ha elencato i diversi casi di violazione dello stato di diritto in Ungheria, è stata approvata con 448 voti a favore, 197 contrari e 48 astensioni. Perché il rapporto fosse approvato era necessaria la maggioranza assoluta e il voto di almeno due terzi dei deputati. In casi come questo, l'astensione non è ritenuta un voto espresso.

La votazione è giunta dopo un lungo dibattito. Il dossier si trascina ormai da anni, tanto da indurre la Commissione europea ad aprire numerose procedure di infrazione ai danni di Budapest. All'Ungheria vengono rimproverati casi sospetti che mettono a rischio l’indipendenza della giustizia, la libertà della stampa o i principi fondamentali in difesa degli immigrati. Prima del voto di oggi, il premier Orbán aveva lanciato ieri un appello accorato contro l'approvazione del Rapporto Sargentini.

La parola passa ai governi
L'articolo 7 dei Trattati prevede che il Consiglio a maggioranza dei quattro quinti possa lanciare un monito a un paese che viola lo stato di diritto. A far scattare la procedura può essere una proposta della Commissione, di un terzo degli Stati membri o dello stesso Parlamento. Dopo il voto di oggi, spetta ora al Consiglio prendere posizione sulla situazione in Ungheria. Di recente, la Commissione ha attivato la stessa procedura ai danni della Polonia, ma finora senza che il Consiglio si esprimesse.

Partiti italiani spaccati
La rappresentazione grafica del voto sugli schermi del Parlamento europeo qui a Strasburgo ha mostrato nettamente le diverse anime dell'assemblea in questo caso. A votare a favore del Rapporto Sargentini è stata la stragrande maggioranza dell'emiciclo. Contrari solo i deputati nella parte destra dell'aula. Tra gli eurodeputati italiani hanno votato contro l'attivazione dell'articolo 7 Forza Italia, l'Unione di Centro e la Lega. A favore, invece, il Partito democratico e il Movimento Cinque Stelle.

La maggioranza Lega-M5S che sostiene il governo italiano si è spaccata, così come è successo anche in Austria e in Belgio. Più in generale, la vicenda ha messo in mostra le drammatica situazione in cui versa l'Unione europea, attraversata da pulsioni xenofobe, tensioni populistiche e spaccature nazionali. La maggioranza a favore dell'attivazione dell'articolo 7 è stata più ampia del previsto. A otto mesi dalle elezioni europee numerosi deputati hanno voluto prendere le distanze dall'Ungheria.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti