biometria e sicurezza

L’imbarco in aeroporto si fa mettendoci la faccia: prima sperimentazione a Miami


default onloading pic

2' di lettura

Un click, e poi in volo, in meno di due secondi: i passeggeri del volo Lufthansa 461 in partenza da Miami International Airport (Mia) per Monaco possono superare il gate di imbarco prestando il volto per una semplice foto, senza carta d’imbarco né passaporto. Un passaggio semplice e veloce, che promette di ridurre i tempi di attesa e di tagliare le code, reso possibile dalla tecnologia biometrica di riconoscimento facciale implementata ai gate da Sita, fornitore globale di tecnologia per il trasporto aereo.

La sperimentazione è resa possibile grazie alla partnership fra Sita, Mia, Lufthansa e la Polizia di frontiera e doganale statunitense (la “US Customs and Border Protection - Cbp). La tecnologia Sita utilizza una semplice fotografia scattata al gate d'imbarco per confermare le identità dei passeggeri e autorizzarli a viaggiare. La verifica dell’immagine tramite riconoscimento facciale dura meno di due secondi e ha un tasso di corrispondenza del 99 per cento. L’Aeroporto di Miami prevede per quest’anno l’avvio dell’imbarco biometrico anche con altre compagnie aeree.

Il riconoscimento facciale in fase di imbarco è solo uno dei tasselli dell’applicazione della biometria all’interno dell’aeroporto: la tecnologia dovrebbe essere utilizzata in prospettiva in tutte le operazioni che il passeggero fa all’interno dello scalo, dal chceck in alla consegna dei bagagli, dai controlli di sicurezza all’imbarco, con l’obiettivo di rendere più efficiente l’intero percorso dei singoli passeggeri riducendo i tempi delle operazioni.

«Quanto realizzato al Mia è un nuovo grande successo: abbiamo fatto squadra per migliorare l’esperienza dei passeggeri tramite l'innovazione - ha affermato Sergio Colella, Presidente di Sita Europa -. Abbiamo lavorato a stretto contatto con Us Cbp, aerolinee e aeroporti per creare una soluzione per un’uscita biometrica senza intoppi, che vada incontro alle esigenze di tutti, passeggeri e operatori. La soluzione Sita Smart Path che sta alla base di questa implementazione, utilizza varchi aeroportuali di uso comune, secondo gli standard settore: questo fa sì che la soluzione possa essere utilizzata da ogni altra compagnia aerea all’aeroporto di Miami».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...