fotografia

L’incanto dorato di Cecil Beaton

Una mostra alla National Portrait Gallery, visitabile online, si concentra sugli anni tra il 1924, quando il fotografo dopo vari tentativi falliti riuscì a vendere la sua prima foto a Vogue, e il 1937

di Nicol Degli Innocenti

default onloading pic

Una mostra alla National Portrait Gallery, visitabile online, si concentra sugli anni tra il 1924, quando il fotografo dopo vari tentativi falliti riuscì a vendere la sua prima foto a Vogue, e il 1937


3' di lettura

Un viaggio indietro nel tempo che ci porta a un periodo felice tra gli anni Venti e Trenta, superata una guerra mondiale e senza ancora il sospetto che ce ne sarebbe stata un'altra. Il protagonista della storia è Cecil Beaton e la sua cerchia di amici, belli, giovani e aristocratici, pieni di gioia di vivere, ansiosi di divertirsi e di non pensare agli orrori del recente passato.

Una mostra alla National Portrait Gallery, ora visitabile online, si concentra sugli anni tra il 1924, quando Beaton dopo vari tentativi falliti riuscì a vendere la sua prima foto a Vogue, e il 1937, quando iniziarono a soffiare venti di nuovo venti di guerra e quel mondo dorato fu costretto a chiudere i battenti. La mostra racconta la sua formazione e gli inizi della sua carriera, che Beaton stesso chiamò “la salita”, attraverso 170 foto e quadri dal vasto archivio della Npg e da collezioni private.

Loading...

Le prime foto sono quelle delle due bellissime sorelle, Baba e Nancy , le uniche modelle che aveva a disposizione, entusiaste e disposte a posare e a seguire ogni indicazione del fratello.

I giovani brillanti

Il titolo della mostra è “Bright Young Things”, il nome che venne dato a questa generazione privilegiata anche se precaria. Beaton non era aristocratico ma era bello, elegante, affascinante e ambiguo e utilizzò la sua macchina fotografica e il suo talento come passaporto per entrare in quel mondo dorato della upper class britannica che non era il suo. Il suo gruppo di “giovani brillanti” comprendeva l'attrice Tallulah Bankhead, la miliardaria Nancy Cunard, l'attore Rex Whistler, la scrittrice Nancy Mitford, Lady Diana Cooper, considerata la grande bellezza dell'epoca, e diversi rampolli dell'aristocrazia inglese.Come dimostrano le foto in mostra, nessuno come Beaton sapeva enfatizzare la bellezza di un volto, rendere teatrale una foto utilizzando costumi, oggetti di scena, fiori e specchi e creare un'immagine perfetta.

Il ballo in maschera

“Ho cercato di ricreare un momento eccentrico, affascinante e creativo della vita culturale britannica, che ha unito avanguardia e aristocrazia, artisti, esteti e scrittori che vivevano al ritmo della Jazz Age”, spiega Robin Muir, curator della mostra.In questo mondo dorato di divertimenti, bellezza e apparenza avevano un ruolo importante i balli in maschera. Alla festa più celebre e memorabile, immortalata da una serie di foto, tutti gli ospiti si erano travestiti da cavalieri, dame o pastorelle del Settecento. Beaton aveva creato una nuova Versailles nella sua villa nella campagna inglese. Il fotografo disse che i suoi ospiti andavano a trovarlo “sapendo che avrebbero lasciato alla porta la realtà per fuggire nel regno della fantasia”. Quel ballo in maschera del 1937 fu come un canto del cigno, la fine di un'epoca e di un mondo all'apparenza incantato, anche se vuoto.

Fine del mondo incantato

Beaton se lo lasciò alle spalle, diventando bravissimo fotografo di guerra, scattando oltre 7mila immagini di Londra devastata dai bombardamenti nazisti. Poi vinse un Oscar per i costumi di My Fair Lady, diventò il fotografo preferito della famiglia reale inglese e fu fatto Sir, Baronetto del Regno. Restò sempre però quello che la mostra ricorda: un grande esteta, un amante della bellezza con un occhio infallibile e più di un tocco di snobismo.

L'Npg è chiusa per un grande intervento di ristrutturazione e ampliamento degli spazi e riaprirà nel 2023. “Bright Young Things” diventerà una mostra itinerante in diverse città britanniche. Nel frattempo il video della mostra su Beaton si può vedere qui


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti