ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDecreto aiuti bis

L’insegnante «esperto» cambia solo il nome: resta l’incentivo di 5.650 euro

È bastato che un emendamento scrivesse «stabilmente incentivati» per superare le contrarietà diffusa del Parlamento

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

(AdobeStock)

2' di lettura

L’esperienza non è un valore. Almeno a scuola. È la conclusione che possiamo trarre dall’ultimo balletto parlamentare al Senato sul decreto Aiuti bis, lo stesso che ha eliminato il tetto di 240mila euro per i compensi nella Pa poi ripristinato alla Camera. A Palazzo Madama, è bastato un emendamento, che passava dal singolare al plurale e cambiava l’aggettivo da «esperto» in «stabilmente incentivati», per superare le ampie resistenze sorte intorno alla scelta di premiare gli insegnanti che si aggiornano...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati