rugby

L’Irlanda batte il Galles e si candida alla vittoria del Sei Nazioni

di Flavia Carletti

default onloading pic
(Reuters)


4' di lettura

Partita intensa all'Aviva stadium di Dublino tra Irlanda e Galles nella terza giornata del Natwest Sei Nazioni 2018. Alla fine è vittoria per i padroni di casa che a tempo scaduto realizzano una quinta meta per il 37 a 27 definitivo. La partita è stata combattuta fino all'ultimo, nessuna delle due squadre ha mai mollato anche se il possesso irlandese ha pagato meglio e decretato il successo degli uomini in maglia verde. L'Irlanda si candida così ad aggiudicarsi il torneo, con tre vittorie su tre partite disputate, in una sfida a distanza con l'Inghilterra, data per favorita. Altamente probabile che sarà proprio lo scontro diretto nell'ultima giornata a decretare chi porterà a casa il trofeo.

Primo tempo equilibrato ma Irlanda chiude in vantaggio
Il primo tempo si chiude con il vantaggio dei padroni di casa per 15 a 13, dopo 40 minuti abbastanza equilibrati, anche se il parziale avrebbe potuto essere più pesante in favore dell'Irlanda visti i tre calci sbagliati da Sexton. Il match si apre con il Galles che va subito a punti grazie a un calcio di Halfpenny al 3' (0-3). Al 5' la partita non è ancora decollata che Sexton ha subito la possibilità di pareggiare. Il mediano di apertura in maglia verde però colpisce il palo. Dopo l'errore al piede Sexton trova subito il modo di farsi perdonare: è suo il passaggio perfetto che lancia Stockdale in meta (5-3). Al piede non va ancora, la trasformazione non entra. Il possesso dell'Irlanda è netto, la difesa del Galles comunque solida e, dopo un altro piazzato sbagliato da Sexton al 15', gli ospiti vanno in meta al 21' con Gareth davies, trasformata da Halfpenny (5-10). L'Irlanda gioca, costruisce, tiene palla ma il Galles risulta più efficace. Halfpenny tenta e sbaglia un calcio da oltre la metà campo al 27'. Non fa errori però al 31', allungando il punteggio in favore del XV del Dragone (5-13). L'Irlanda non si arrende, non perde lucidità e continua con il suo gioco. Va vicina alla meta al 35' ma comunque non esce a mani vuote dai 22 avversari. Sexton non sbaglia il calcio e l'Irlanda si riporta sotto il break (8-13). Un fuori gioco gallese permette ai padroni di casa di andare a fare una rimessa laterale nei 22 degli ospiti quando manca solo un minuto allo scadere del primo tempo. Gli uomini in maglia verde tengono palla e non mollano anche quando viene superato l'80' e a tempo ampiamente scaduto arriva la meta di Aki, trasformata da Sexton che manda le squadre negli spogliatoi per la pausa con i padroni di casa in vantaggio per 15 a 13.

Irlanda più solida contro un Galles mai domo
Il secondo tempo si apre come si era chiuso il primo. L'Irlanda conferma la sua impostazione di gioco e mantiene alte le percentuali di possesso (superiori al 70%). La gestione del campo da parte dei padroni di casa al 45' fa arrivare la meta di Leavy, la terza, che con la trasformazione di Sexton porta il parziale sul 22 a 13. In questa fase della partita, il XV del trifoglio sembra aver preso il sopravvento sugli avversari. Il Galles pare relegato solo a difendere contro i continui tentativi di attacco irlandesi. Al 54' arriva la quarta meta dei Verdi per il 27 a 13. Sexton sbaglia la trasformazione ma l'errore è facilmente perdonabile, considerando quanto sia stato decisivo il suo ruolo nell'azione che ha permesso a Healy di schiacciare l'ovale in meta. A questo punto squadre mentalmente meno solide del Galles sarebbero crollate, non gli uomini di Warren Gatland che dal doppio break risorgono e al 63' accorciano le distanze con la meta di Shingler trasformata da Halfpenny (27-20). C'è ancora un quarto d'ora da giocare e la possibilità di un pareggio non è molto peregrina. I cambi effettuati da entrambe le formazioni non penalizzano il gioco, anzi le forze fresche dei “panchinari” tengono alto il ritmo e l'intensità delle azioni. Al 76' Murray riporta l'Irlanda in zona sicurezza con un calcio per il 30-20. Non passa neanche un minuto che il Galles reagisce subito con una meta di Steff Evans (trasformata da Halfpenny per il 30-27). Gli uomini in maglia rossa cercano di mantenere palla, finché giocano c'è speranza, e gli irlandesi sembrano aver paura di fare fallo, regalando agli avversari l'occasione di pareggiare. A tempo scaduto arriva però l'errore. Stockdale intercetta un passaggio lungo dei gallesi e segna così la quinta meta per l'Irlanda. Murray trasforma per il 37 a 27 finale.

LA PARTITA
Irlanda-Galles 37-27 (Primo tempo 15-13). Per l'Irlanda: 5 mete (2 Stockdale, Aki, Leavy, Healy), 2 calci piazzati (Sexton, Murray), 3 trasformazioni (2 Sexton, Murray).
Per il Galles: 3 mete (G. Davies, Shingler, S. Evans), 2 calci piazzati (Halfpenny), 3 trasformazioni (Halfpenny) calci fermi: Sexton 3 su 7; Murray 2 su 2; Halfpenny 5 su 6

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti