LA NOTA MENSILE

L’Istat: la debolezza dei livelli produttivi proseguirà a dicembre

L’ente statistico mette in evidenza che a dicembre gli indici di fiducia hanno mostrato segnali di miglioramento. Quello del clima di fiducia dei consumatori ha segnato, dopo il calo del mese precedente, un marcato aumento diffuso a tutte le componenti

Secondo l’Istat prosegue la fase di debolezza dei livelli produttivi(imagoeconomica)

1' di lettura

L’andamento dell’indicatore anticipatore Istat mantiene un profilo negativo, suggerendo il proseguimento della fase di debolezza dei livelli produttivi. Lo si legge nella Nota mensile di dicembre 2019.

La debolezza dei livelli produttivi proseguirà
«A dicembre - si legge nel documento -, gli indici di fiducia hanno mostrato segnali di miglioramento. L’indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato, dopo il calo del mese precedente, un marcato aumento diffuso a tutte le componenti: il clima economico ha registrato la crescita più robusta e le attese sulla disoccupazione sono in miglioramento. Anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese - continua l’Istat - ha evidenziato un aumento. Quest’ultimo è stato marcato per tutti i settori ad eccezione di quello manifatturiero che invece ha mostrato una stazionarietà, a sintesi del miglioramento dei giudizi sugli ordini e del peggioramento sia dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti sia delle attese di produzione».

Loading...

Per approfondire:
Istat: produzione industriale debole a novembre
Corte Conti: 2020 anno impegnativo, finanze Italia fragili

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti