Il convegno online del Sole24Ore

L’istruzione del post-Covid riparte dal digitale e dalle competenze

Brugnoli (Confindustria): piani di lungo periodo come in Cina e Usa. Giannelli (Anp): cambiare il modo di fare lezione. Gissi (Cisl Scuola): doppio canale per assumere.

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

(ANSA)

3' di lettura

Innovazione, a partire dalle lezioni che non possono essere più solo “frontali”. Saper fare, che deve permeare l’intera didattica, chiamata ad aprirsi, di più e meglio, al mondo del lavoro e alla rivoluzione digitale in atto. E poi: formazione del corpo docente, non solo “iniziale” ma anche “in servizio” sulla scia del paradigma del “lifelong learning” già realtà in larga parte del mondo privato.

È stato il vice presidente di Confindustria per il Capitale umano, Gianni Brugnoli, a chiedere alla scuola italiana un cambio di passo; e una visione di lungo periodo: «Paesi come Cina, Stati Uniti, India - ha ricordato Brugnoli - hanno adottato programmi sull’education al 2040-2050, e aderenti alle competenze richieste dalle imprese. Dobbiamo farlo anche noi, uscendo da una logica solo emergenziale. E non possiamo sprecare l’occasione del Pnrr» (che al capitolo Istruzione e Ricerca destina da qui al 2026 oltre 30 miliardi di euro).

Loading...

- Guarda la registrazione del convegno

Orientamento da rafforzare

L’orientamento di studenti, famiglie e insegnanti è centrale e «va rafforzato a partire dalle medie», ha aggiunto la professoressa Lorella Carimali; anche con la realizzazione di veri e propri «Steam space», dove Steam unisce l’acronimo inglese Stem, Scienza, tecnologia, ingegneria, matematica, alla a di arte, sinomino di “creatività”.

L’edilizia scolastica

Parlando al convegno online «La scuola del futuro» (ecco la registrazione completa) organizzato dal nostro giornale, e aperto da un messaggio del direttore del Sole 24Ore, Fabio Tamburini, il direttore della Fondazione Agnelli, Andrea Gavosto, ha ricordato anche un’altra sfida: «L’edilizia scolastica, con istituti da ammodernare per renderli sempre più “centri civici”, aperti cioè alla comunità e al territorio di riferimento».

Lo stato della nostra edilizia scolastica, del resto, non brilla, come ha sottolineato la vice presidente dell’Upi (Unione province d’Italia) Silvia Martini Chiassai: «Delle circa 7.500 scuole superiori (di diretta competenza delle province, ndr) 3.800 sono state costruite prima del 1976, e di queste circa il 90% non sono adeguate dal punto di vista sismico». Ecco allora l’urgenza di un rapido intervento, sia per metterle in sicurezza, sia per rinnovare la didattica.

«Oggi di fronte a un mondo del lavoro che cambia, e in fretta, sono importanti tutte le competenze, a cominciare dalle soft skills», ha evidenziato Rossella Calabrese, consigliere delegato di Treccani Accademia. «Dobbiamo far conoscere alla scuola le competenze del 21esimo secolo - ha aggiunto Damien Lanfrey, vice director - Head of Research Future Education Modena -. Un esempio? Un esperto di data science oggi lavora subito. Dobbiamo puntare sull’interdisciplinarietà».

Sfida digitale

Il digitale, che nella scuola ha fatto irruzione prepotentemente con la pandemia consentendo di tenere gli istituti aperti, è un’altra sfida. «La Dad è stata una necessità e un’àncora di salvataggio - ha spiegato il presidente dell’Anp (Associazione nazionale presidi), Antonello Giannelli -. Per superare i problemi della nostra scuola è necessario affrancarsi da un modello di didattica non adeguato alla società di oggi. E non si tratta solo di portare a scuola il digitale e le tecnologie quanto piuttosto di novellare la politica scolastica del nostro Paese. Cambiare il modo di fare lezione per riuscire a motivare, incuriosire e coinvolgere i ragazzi».

Formazione dei prof

E se da un lato, colossi delle Tlc hanno subito dato un contributo, «aiutando le scuole e formando 150mila docenti», ha ricordato Elvira Carzaniga, direttore divisione education di Microsoft Italia; dall’altro, è la stessa formazione degli insegnanti che va «innovata», ha proseguito Elia Bombardelli, docente di matematica generale all’università Bocconi.

Ritardi storici

Del resto, la pandemia ha accentuato ritardi storici della scuola italiana: «L’abbandono scolastico è salito al 25,5% contro il 16,1% della media Ocse - ha sottolineato Francesca Borgonovi, economista Ocse -. In Italia c’è poi un tema di competenze. Dal 2010 al 2020 la percentuale di 25-34enni con la laurea è passata dal 21% al 29. All’estero è aumentata dal 35% al 45. E si investe poco in orientamento».

Prossimi nodi

Le prossime sfide sono il rinnovo del Ccnl (con la promessa di aumenti a tre cifre dei precedenti governi - l’esecutivo Draghi sul punto non si è ancora espresso) e il nuovo sistema di reclutamento degli insegnanti. Su questo punto si è espressa Maddalena Gissi, segretaria generale della Cisl Scuola, rilanciando l’idea di un reclutamento su due canali: «Concorsi ordinari aperti a tutti, affiancati da percorsi che riconoscano il valore dell'esperienza di lavoro e le diano stabilità attraverso regole trasparenti - ha detto Gissi -. Un modello che vorremmo ispirasse un sistema di reclutamento finalmente stabile dopo una fase troppo lunga e spesso confusa di interventi straordinari».

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati