osservatorio ambrosetti

L'Italia è aggrappata al contante. Siamo terzultimi in Europa per pagamenti cashless

di Biagio Simonetta

default onloading pic
(Agf creative)


2' di lettura

Un Paese aggrappato al contante. Schiavo della liquidità che scorre a fiumi senza lasciare tracce. È un po’ questa la fotografia dell'Italia scattata dall'ultimo report dell'Osservatorio Community Cashless Society di The European House – Ambrosetti. Un risultato che cozza violentemente con quanto sta accadendo nei Paesi del Nord Europa, dove il contante sta progressivamente sparendo. E ci pone davanti a problemi già noti, come la tracciabilità del denaro e l'irrefrenabile economia sommersa che sfugge al fisco.

L’Osservatorio ha mappato 85 economie al mondo. E i risultati dicono che l'Italia è il terzultimo Paese in Europa per utilizzo di pagamenti cashless. Ma c'è di più: il contante in circolazione continua ad aumentare ed è tra i valori più alti dell'Eurozona in rapporto col Prodotto interno lordo.

Nel 2017, in Italia, solo il 14% dei pagamenti è stato effettuato in modalità cashless (quindi con carte di pagamento o attraverso strumenti di pagamento digitale). L'86%, invece, è stato effettuato con denaro in contante. Un dato che, come detto, ci posiziona al terz'ultimo posto in Europa, dove la peggior performance appartiene alla Grecia (12% in cashless, 88% in contante), mentre la media Ue porta un rapporto 26%/74%.

Aumenta il contante
Dai numeri dell'Osservatorio emerge anche che l'utilizzo del contante, nel nostro Paese, continua a crescere. Nel solo periodo che va dal 2016 al 2017 è aumentato del 3,8%, passando da 190,4 a 197,7 miliardi di euro. Un aumento che si riflette sul rapporto fra denaro contante e Pil, che nel 2017 arriva a toccare il record storico dell'11,6% (la media Ue è del 10,1%). Una percentuale importante, che paragonata a quella della Svezia (dove il rapporto è all'1,5%) chiarisce in modo inequivocabile la situazione italiana. La peggior performance, tuttavia, appartiene all'Ungheria, dove il rapporto contante/Pil è al 19,2%.

Aumentano i prelievi agli sportelli

Un altro dato molto significativo è quello relativo ai prelievi presso gli Atm. L'Italia è il Paese dove la cifra di denaro prelevato agli sportelli fa registrare la crescita più alta nei 5 paesi europei definiti “big five” (Germania, Regno Unito, Italia, Francia e Spagna). Nel nostro Paese infatti, dal 2008 al 2016, i prelievi sono aumentati dell'8,9%, passando da 97,9 a 193,6 miliardi di euro. Di pari passo, rimaniamo nelle retrovie (quartultimi prima di Grecia, Romania e Bulgaria) per utilizzo di carte di pagamento: nel 2016 sono state 43,1 le transazioni pro-capite effettuate con carta in Italia. In Danimarca e Svezia questa cifra sfiora i 350.

I pagamenti mobile non sfondano
Infine, uno sguardo ai pagamenti attraverso device mobili (i classici pagamenti via smartphone, per intenderci). In questo caso la crescita registrata negli ultimi anni è considerevole: + 48,6% dal 2012 al 2016, con un valore che è passato da 0,8 a 3,9 miliardi di euro. Tuttavia, l'incidenza di questo transato sul totale è ancora irrilevante, con un valore dello 0,05%. L'introduzione della recente normativa Ue chiamata PSD2 potrebbe dare nuovo ossigeno a questo settore. O almeno questa è la speranza.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti