RAPPORTO OSSERVATORIO SULLE MIGRAZIONI

L’Italia è il paese con gli immigrati meno istruiti

Con Gran Bretagna, Irlanda e Portogallo è tra gli Stati con il minore differenziale nella probabilità di occupazione tra immigrati e nativi

di Andrea Carli


Migranti: continuano soccorsi, nuova impennata nei numeri

2' di lettura

L’Italia è il paese con gli immigrati meno istruiti (solo il 14% ha ricevuto un’istruzione universitaria) e il penultimo (dopo la Romania) per percentuale di nativi laureati (20%). Al contrario, l’Irlanda e il Regno Unito hanno tra le più alte percentuali di immigrati che hanno ricevuto un’istruzione di livello universitario (rispettivamente il 56 e il 51%). È quanto emerge dal quarto rapporto sull’integrazione economica dei migranti in Europa dell’Osservatorio sulle Migrazioni del Centro Studi Luca d’Agliano e del Collegio Carlo Alberto. L’indagine sarà presentata oggi, 21 febbraio, a Torino.

In Italia meno scarto nelle possibilità di impiego tra immigrati e nativi
C’è perà l’altra faccia della medaglia: gli immigrati hanno meno probabilità di essere occupati dei nativi, soprattutto nei paesi dell’Europa del Nord e dell'Europa centrale. La Gran Bretagna, l’Italia, l’Irlanda e il Portogallo sono tra i paesi con il minore differenziale nella probabilità di occupazione tra immigrati e nativi. Le differenze nella probabilità di trovare un impiego sono invece più accentuate in Svezia (-17.3 punti percentuali), nei Paesi bassi (-16.3), in Germania (-14.4) o in Danimarca (13.7). Si riducono invece nel Regno Unito (-1.9 punti percentuali) e in Italia (-0.9). In Irlanda, Lussemburgo e Portogallo gli immigrati hanno la stessa probabilità di impiego dei nativi.

Nell’Ue più di una persona su dieci è un immigrato
L’indagine delinea un quadro complessivo del fenomeno dell’immigrazione. Nell’Unione Europea, più di una persona su dieci è un immigrato. Questo rapporto aumenta al 12% nei paesi UE15, dove vive la maggior parte dei migranti. Il numero di stranieri nell’Unione europea è cresciuto di circa cinque milioni tra il 2015 e il 2018, e di circa un milione nell’ultimo anno. Tuttavia, quattro migranti su cinque sono nel loro paese di residenza attuale da più di cinque anni. Oltre la metà degli immigrati provengono da un paese europeo.

Più immigrati nelle regioni economicamente più dinamiche
Il rapporto mostra come l’agglomerazione e la concentrazione, geografica e occupazionale, abbiano un ruolo centrale nell’influenzare le traiettorie di integrazione dei migranti nell’Unione europea. La probabilità di essere occupati degli immigrati è, in media, non troppo inferiore rispetto a quella dei nativi, anche grazie alla loro maggiore concentrazione nelle regioni più economicamente dinamiche di ciascun paese. Tuttavia, gli immigrati tendono ad avere salari significativamente inferiori a quelli dei nativi, in gran parte a causa di una maggiore concentrazione in occupazioni a basso reddito. La tensione tra l’abitare nelle regioni più economicamente floride e lo svolgere lavori poco qualificati - conclude l’indagine - può contribuire a spiegare le percezioni errate dei nativi riguardo alla popolazione immigrata.

Per approfondire:
Piano Lamorgese, verso modifiche separate per immigrazione e sicurezza
Migranti, l'allarme di Frontex: da marzo sbarchi raddoppiati

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...