il graffio del lunedì

L’Italia di Mancini, gli applausi di Sacchi e il riposo dei Fenomeni

La nazionale di calcio piace anche per freschezza e ritmo. E il piacere di vedere dei giovani che hanno voglia di vincere in allegria e che giocano perfino meglio in maglia azzurra che nei loro club

di Dario Ceccarelli


default onloading pic
Un momento di Bosnia - Italia di venerdì scorso (Reuters)

2' di lettura

L'unica certezza, in questo Paese che fa acqua, è che piove. Una pioggia acida di danni e calamità, frane e smottamenti, inutili chiacchiere e tardivi rimpianti. A babbo morto, ogni quarto d'ora un avviso: “Nubifragi e Inondazioni. Un altro ciclone colpirà l'Italia”. Come Savonarola ci ricordano che moriremo tutti, ma sommersi. Grazie, è bello saperlo. Ma fare qualcosa prima?

Piovono sberleffi anche sulla Ferrari: a Interlagos Vettel e Leclerc riescono eliminarsi a vicenda. Come nelle comiche, sbattono uno contro l'altro. A suo modo, un piccolo primato che nessuno ci ruberà.

L'unica buona notizia è che l'Italia, ma solo in senso calcistico, va a gonfie vele. Perfino Arrigo Sacchi, gufo apocalittico, applaude gli azzurri scrivendo che vincono e convincono inducendo Mancini a toccarsi là dove non si può dire. Tanto eravamo catastrofisti fino a pochi mesi fa, tanto adesso siamo diventati ottimisti per le magnifiche e progressive sorti della Nazionale. Mah…

Diciamola tutta: finalmente si è visto qualcosa di buono. E non solo per le dieci vittorie di fila che certo non fanno male. E che con l'Armenia questo lunedi potrebbero diventare undici. Mancini ha fatto bel filotto. Ma è surreale paragonarlo a quello di Vittorio Pozzo, cittì di un Italia che poi sarà travolta dalla seconda guerra mondiale.

Confronti improponibili, di mondi lontani anni luce. Che si spera non ritornino. Ma questa nazionale, va ribadito, piace anche per freschezza e ritmo. E il piacere di vedere dei giovani che hanno voglia di vincere in allegria. E che giocano perfino meglio in maglia azzurra che nei loro club, come Immobile e Bernardeschi: buon segno anche questo. Bello anche il gesto di mettere i piedi nel disastro di Venezia. Un gesto di umiltà per ragazzi che, tra social e tatuaggi, vivono quasi sempre in un mondo a parte.

Detto tutto questo, cala Trinchetto. Torniamo a terra. Di squadre migliori dell'Italia ce ne sono parecchie. E infatti vanno ai mondiali in Russia. Rispetto ai tempi di (s)Ventura siamo marziani. Ma non diciamolo troppo in giro, perché tornare indietro è questione di un attimo.

Chi ringrazia la nazionale è anche il Milan. Che finalmente ha passato un week end senza regalare punti a qualcuno. Un turno di riposo, dopo tanto lavoro per gli altri, lo meritava. Un bel sollievo per i rossoneri impegnati a leccarsi le ferite. E' andata bene anche a Ronaldo che, giocando col Portogallo, è ritornato devastante come ai vecchi tempi. Anche se ha poi detto di non essere ancora al 100%. Che il metodo Sarri abbia funzionato? Un po' di panchina nella vita fa bene a tutti. Anche ai Fenomeni.

Ps. Tutta la nostro solidarietà ad Antonio Conte, il tecnico dell'Inter. Vittima anche lui di un mondo di matti, ha ricevuto una pallottola in una busta. Speriamo che a Conte non venga l'idea di chiedere conforto a Matteo Salvini. ll capo della Lega, conoscendolo, potrebbe rispondergli: Una pallottola? Beh, che c'è di strano? L'ho ricevuta anch'io che sono milanista...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...